martedì 14 gennaio 2020

Review tour: Scontro col destino di Georgia Lyn Hunter


Continua la serie paranormal romance Fallen Guardian, con il secondo volume: Scontro col destino di Georgia Lyn Hunter pubblicato da Hope Edizioni che ringrazio per la copia digitale.
Ecco la mia recensione.

Scontro col destino - Fallen guardian vol 2
Georgia Lyn Hunter
Hope edizioni

Trama
Essere un immortale senz’anima è già abbastanza brutto. Ma quando l’unica cosa in grado di preservare il suo onore è la dipendenza da un dolore incommensurabile, Blaéz diventa un pericolo per se stesso e per chi lo circonda.
Blaéz, un Guardiano che ha giurato di proteggere i mortali dal male soprannaturale, vive in bilico al limite dell’oscurità. Una buona azione lo conduce alla porta dell’unica donna il cui tocco è capace di riaccendere in lui le emozioni perdute nel Tartaro, ma è umana. Proibita. E farla entrare nella sua vita potrebbe distruggere entrambi.
Quando uno straniero bello da morire compare alla sua porta a notte fonda, Darci Callahan si scopre per la prima volta attratta da un uomo, che risveglia in lei il desiderio. Eppure Blaéz porta nella sua vita molto più di una passione inattesa: porta un pericolo fatale.
In questo nuovo insidioso mondo di dei e demoni, Darci scopre di essere al centro di un perverso gioco tra creature soprannaturali. La sua sorte è già stata stabilita da migliaia di anni, ben prima della sua nascita. Riuscirà la determinazione di Blaéz a spezzare il destino? A volte, non importa quanto tu possa amare qualcuno, devi amare abbastanza da lasciarlo andare


Torniamo dai guardiani nati dalla penna di Georgia Lyn Hunter e protagonisti della serie paranormal romance Fallen Guardian. Prima di parlarvi di Scontro col destino, ecco un breve recap dei volumi precedenti. QUI la recensione di L'ultima resa e QUI la recensione di Echo, mine.
Il secondo volume della serie  mi ha intrigata e incuriosita più del primo. Sarà che i personaggi sin da subito sono maggiormente entrati nelle mie corde, ma in  Blaéz ho subito scorto tanto da raccontare al lettore e in Darci ho intuito tante risposte.
Ma partiamo da quello che - a mio parere - è il cuore pulsante del volume: il guardiano Blaéz con un passato doloroso e un presente ancora più pauroso. Immaginatevi di non provare emozioni, di non sentire nulla, ma di essere alla disperata ricerca di qualcosa. Lui è così: in una gabbia che è peggio di una prigione vera a propria.
Darci dal canto suo sembra vivere una vita che non la interessa particolarmente con un lavoro che non la soddisfa, sentimenti ormai relegati in un cassetto e il desiderio pungente di essere, di esistere.
E a entrambi basta vedersi per un attimo per sentire tutto ciò che hanno sempre desiderato.
Un terremoto, uno sconvolgimento emotivo potente che non permette a nessuno dei due di stare uno distante dall'altra.

Tu sei un sogno che non credevo possibile

Georgia Lyn Hunter ci fa conoscere nuovamente due personaggi complessi che piano piano ci mostrano qualcosa di più della vita dei Guardiani, delle battaglie che devono combattere e delle difficili prove che sono chiamati a portare a termine.
Lo fa con Blaéz e Darci e con una storia piena di passione e adrenalina. La prima cuoce lenta e ci tiene avvinti allo svolgersi degli eventi in attesa che divampi il fuoco, l'altra è una conseguenza di battaglie e colpi di scena che si susseguono fino alla fine, mostrandoci verità celate e incastri di potere. 
La narrazione va di pari passo e si alternano scene di grande emotività ad altre che sono un susseguirsi di azione.
Un aspetto che mi è piaciuto molto è stato quello di aver ritrovato un gruppo eterogeneo e affiato di guardiani pronti a combattere con tutti loro stessi per difendere l'umanità, un insieme di individui che l'autrice ci sta facendo scoprire piano piano, di volume in volume, delineandone le caratteristiche più emergenti.

Aveva bisogno di allontanarsi, di trovare un modo per chiudere con il passato prima che distruggesse il fragile legame che aveva appena creato con la donna che desiderava più del suo prossimo respiro

Lo stile narrativo della Hunter è incalzante e al tempo stesso aleggia una parte molto romantica che ci mostra come un maschio capace di bastare a sé stesso (e un po' dispotico, ammettiamolo) crolli dinnanzi alla donna capace di fargli provare qualcosa di inaspettato e unico: le emozioni, dopo che una permanenza nel Tartaro gliele aveva levate una ad una.
Perché leggerlo → Per conoscere Blaéz e il suo cuore tormentato, per approfondire la storia dei guardiani e per vivere una nuova ed emozionante avventura.
Buona lettura!

Nessun commento:

Lasciami la tua opinione