lunedì 18 novembre 2019

Recensione: L'ultimo bacio di Bianca Marconero

recensione l'ultimo bacio libro marconero

Avevamo lasciato Alice e Alex QUI con la fine di Le nostre prime sette volte, il primo volume della dilogia a loro dedicata. Ora sono tornati con L'ultimo bacio, il nuovo imperdibile romanzo di Bianca Marconero.
Ecco la mia recensione, grazie a Bianca per la copia digitale del romanzo.

recensione l'ultimo bacio libro marconero
L'ultimo bacio
Bianca Marconero

Trama
«È una contraddizione in termini, Alice. Un bacio tra di noi non potrà mai essere l’ultimo».
Alex e Alice non lavorano più insieme. Dopo l’ultimo licenziamento, le loro strade si sono divise.
Sono trascorsi nove mesi e Alice tenta di tenere insieme i pezzi della sua vita, si barcamena tra mille lavori e cerca di andare avanti. Ma pensa ancora ad Alessandro.
Sono trascorsi nove mesi e Alessandro ha preso le redini del progetto internazionale del Gruppo Francalanza Visconti, dirige la nuova sede di Parigi e ha una relazione stabile con Carlotta, una ricca ereditiera indicata da tutti come la sua compagna ideale. Ma pensa sempre ad Alice.
Sono trascorsi nove mesi e tutto è pronto per il matrimonio di Emilia e Fosco, la location è stata scelta, gli inviti mandati e la chiesa addobbata.
Sono trascorsi nove mesi e per Alex e Alice, entrambi testimoni degli sposi, è venuto il momento di rivedersi.
Nella cornice da sogno di un antico monastero sul lago di Como, tra balli mancati e un duello di sguardi, si delinea un accordo imprevisto: scambiarsi un ultimo bacio e poi ognuno andrà per la sua strada.
Ma un bacio tra due persone che si vogliono ancora, nonostante proclamino di non volersi affatto, non potrà mai essere l’ultimo.
Soprattutto se il destino trama e li porta a lavorare per l’ennesima volta uno accanto all’altra nella città più romantica del mondo.
Ma è davvero possibile capirsi, quando il passato minaccia di tornare? E come si può trovare il perdono quando emerge un segreto in grado di separarli per sempre?
Tra una salita sulla butte di Montmartre una passeggiata ai giardini del Lussenburgo, tra serate all’Opéra Garnier e shopping sulla rive gauche, Alex e Alice avranno la loro occasione per scoprire il vero significato dell’ultimo bacio.
La storia di Alice e Alex, iniziata nel romanzo "Le nostre prime sette volte", finisce qui.


Scrivere una recensione di L'ultimo bacio di Bianca Marconero è davvero complicato. Come ogni romanzo, i cui personaggi sono entrati nel cuore del lettore, lasciarli è difficilissimo, perché un pochino di loro resterà nel cuore di tutti noi. Ma non solo. Perché quando si parla di una storia che ha saputo far vibrare le corde del nostro cuore, bisogna mettere in conto di parlare anche un po' di noi stessi.
Nel mio cuore ci resterà Alice, con i suoi mille difetti, compreso quello di avere un'immensa paura di star male, tanto da arrivare a decidere a un certo punto di fingere che il dolore non esista. Ci resterà per la sua intelligenza, per il carattere combattivo, per la capacità di continuare a lottare, ma anche perché fugge dai sentimenti e lo fa congelando il proprio cuore.
Resterà nel mio cuore anche Alex, perché la famiglia lo ha reso calcolatore, ma il cuore gli ha regalato quella debolezza che lo rende unico. Alex che è disposto a sacrificare tutto per l'amore, anche sé stesso. Alex che dice delle cose meravigliose, ma viene sempre frainteso, perché nell'atto di mettere in pratica i suoi propositi sbaglia.

Potrei spaccare a metà ciascun istante di questo minuto e ridisegnare da capo la sagoma dei giorni in cui esistevamo ancora. Potrei scriverle sulla bocca cosa siamo stati, raccontarle tutto nel tempo di un bacio. Dimostrarle l'ovvio, ovvero che la voglio da stare male. Ma spreco i primi secondi prigioniero dei suoi occhi

Capite bene che due personaggi come Alice ed Alex non possono essere dimenticati, così come non ci si può scordare della profonda sofferenza che si infliggono uno con l'altro. E che infliggono a noi lettori che assistiamo inermi ai loro problemi, che li vediamo gettare alle ortiche più e più volte un sentimento speciale. 
Ma ci fanno anche sorridere, perché entrambi sono brillanti e intelligenti, e ci fanno emozionare perché l'amore può essere profondamente commovente.
Il sentimento tra loro è straordinario, ma per capirlo devono passare tra mille tempeste. Le prime sono quelle che nascono dalle incomprensioni lavorative, poi ci sono quelle dettate da sentimenti che fanno paura, da segreti che possono avere la potenza dirompente di una bomba  e da dolori talmente sconvolgenti da mandare tutto in mille pezzi.

Ci sono giorni in cui parlare con lui mi manca immensamente. E non basta ripetere a me stessa l'elenco dei suoi errori, perché i suoi sbagli non lo descrivono del tutto. È come se qualcosa restasse fuori. E ciò che resta, al netto delle sue bugie, suscita una nostalgia feroce

Sono tante le tematiche che affronta Bianca in L'ultimo bacio. A partire dalle scelte che si fanno perché sulla carta sono le più semplici, quelle che ci permettono di non metterci in gioco; fino all'importanza di essere sinceri, perché è sulla base della verità che si costruiscono fondamenta solide. Bianca ci parla anche di battaglie, quelle interiori contro noi stessi, quelle che ingaggiamo con il mondo per rimanere in piedi e quelle che ci fanno mettere in gioco.
Lo stile narrativo di Bianca è unico, travolgente, pieno di sentimento ma senza che questo sia scontato o banale. L'ultimo bacio è un libro da sottolineare, ricco di messaggi importanti e di ispirazione.
Perché leggerlo → Perché  Alice ed Alex sono due personaggi speciali così come è eccezionale il loro amore unico: un sentimento potente che cattura il lettore.
Buona lettura!

2 commenti:

  1. Come sempre mi lasci senza parole �� hai visto tutto quello che speravo tu trovassi, hai letto luci e ombre di entrambi. E io ti sono ancora eternamente grata ��

    RispondiElimina
  2. Mi sono ritrovata a condividere ogni sfumatura di questa recensione. La profondità di questo amore è il dolore che lo attraversa lo rende unico nel suo rigenerarsi e risplendere come una fenice. Alex.... Se esistesse....

    RispondiElimina