lunedì 16 dicembre 2019

Recensione: Il re di Wall Street di Louise Bay


Un romanzo romantico ambientato in uno dei centri economici di potere più importanti al mondo: ecco la mia recensione di Il re di Wall Street di Louise Bay edito da Always Publishing che ringrazio per la copia digitale del libro.

Il re di Wall Street
Louise Bay
Always Publishing

Trama
Max King è il banchiere d'investimento di maggior successo di New York. La sua reputazione di re di Wall Street, esigente, implacabile e scaltro negli affari, lo precede. Max ha sempre ragione e richiede il massimo dai suoi clienti e dai suoi dipendenti.
Ma nessuno sospetta che il suo lavoro più duro inizi dopo aver lasciato il suo impero: come padre single di una figlia di quattordici anni, Amanda, che è del tutto immune alla sua autorità. A casa è lei a dettare le regole.
Max non ha tempo per le relazioni che durino più di una notte. Vive in due mondi, che mantiene rigorosamente separati. Fino a quando proprio nell'ascensore del suo palazzo, non incontra Harper Jayne.
La sua nuova impiegata, nonché la donna più esasperante con cui abbia mai lavorato. La sua timida bellezza ha reso Max disperato: lo distrae durante il giorno e gli ruba il sonno di notte, la sua ansia di compiacerlo e di fare una buona impressione lo irritano. Harper è stata una spina nel fianco fin dal primo giorno di lavoro, e per questo Max si è ripromesso di tenerla a distanza in ogni modo possibile.
Ora è chiaro che le barriere tra i suoi due mondi sono destinate a crollare. Ma il Re di Wall Street si farà mettere in ginocchio da una brillante e ambiziosa regina?


Sedetevi comode, fatevi una gigantesca ciotola di pop corn e preparatevi, perché Il re di Wall Street di Louise Bay è un romanzo che vi trascinerà in una storia irresistibile dalla quale difficilmente riuscirete a staccarvi
Ironico, sexy e romantico, per me è un mix insuperabile. 
Siamo a Wall Street, New York, cuore pulsante della finanza mondiale, in una società tra le migliori sul mercato. A gestirla con grande capacità e senso per gli affari è Max King.
Ora vi chiedo di fare uno sforzo.
Provate a chiudere gli occhi e a immaginare com'è l'aspetto di un uomo di grande successo. Elegante, un po' arrogante, scaltro, con un'innata capacità di abbagliare con bellezza e bravura tutti, anche i suoi avversari.
Ecco a voi Max King. Ma attenzione, non fermatevi alle apparenze perché, nel corso della lettura, di lui scoprirete molto di più e alla luce delle rilevazioni non potrete che restarne completamente ammaliate.
Chi poteva essere la sua coprotagonista se non una ragazza intelligente, un pizzico sfacciata, con nessun pelo sulla lingua e il profondo desiderio di dimostrare quanto vale? Ecco quindi, la divertentissima e invidiatissima (da me): Harper Jayne.

Il problema è che arriva un punto nella vita in cui non combini un casino da un po'. Diventi bravo a superare gli esami, ti laurei, ti trovi un lavoro. Tutto è fantastico. Ma si tratta di un falso senso  di sicurezza, perché se vuoi imparare a crescere, combinare casini è inevitabile

Tra situazioni altamente imbarazzanti, non poche schermaglie e alcune battaglie per tirare fuori sé stessi li vedremo combattere contro un'inevitabile attrazione e contro la loro volontà di non mischiare carriera e vita privata. Sarà facile? Per nulla, perché la caparbietà e la testardaggine sono due caratteristiche distintive di questi personaggi.
Ma sarà questa la parte che più amerete della lettura, perché li vedrete capitolare più e più volte.
Lasciatemi, però, parlare per un attimo anche dei secondari perché li ho trovati fondamentali ai fini della narrazione e per infondere quel senso di leggerezza alla storia. In particolare Amanda che è la figlia adolescente che tutti noi vorremmo, ma anche le sorelle di Max King, che lo trattano come un incapace invece che come l'uomo più potente di Wall Street. 
E sì, su certi fronti, hanno proprio ragione.


Lo stile di Louise Bay  è brillante e scorrevole, i dialoghi sono fonte di piacere per lettrici come me che trovano la loro ragione d'essere in queste particolari parti narrative
Se  da una parte abbiamo una protagonista esasperante e che tende sempre a giungere alle proprie personalissime conclusioni, dall'altra abbiamo un uomo eccezionale nella comunicazione con colleghi e  clienti, ma totalmente allo sbando quando si tratta di fare i conti con i sentimenti.
Capite già da questo quanto possa essere divertente la lettura di Il re di Wall Street, se a questo aggiungete che è una storia romantica ma senza essere stucchevole, avete trovato il romance perfetto da regalare e regalarvi a Natale.
Perché leggerlo → Perché è uno di quei romanzi che regalano un sorriso, un'emozione, ma soprattutto ci fanno sognare di diventare le regine di Wall Street.
Buona lettura!

Nessun commento:

Lasciami la tua opinione