giovedì 11 ottobre 2018

Review Party: Una ragazza cattiva


Un mistero da risolvere, un killer da fermare e una storia che si dipana tra passato presente: oggi vi parlo di Una ragazza cattiva di Alberto Beruffi edito Newton Compton
In occasione dell'uscita è stato organizzato il review party, non perdetevi le altre recensioni su Bookspedia, Voglio essere sommersa di Libri, Leggendo Romance e Thriller Nord.

Una ragazza cattiva
Alberto Beruffi
Newton Compton



Trama
Un autogrill si trasforma in un'orribile scena del crimine dopo il ritrovamento del cadavere di una delle cameriere. Si tratta di Giulia Scarpanti, a detta di tutti una brava ragazza, figlia minore di un avvocato. È stata strangolata con la corda di una chitarra. Ma non è tutto. Le è stata messa della colla sulla bocca per farla "sorridere", le pareti del locale sono state riempite di poster e accanto al corpo è stato ritrovato un piccolo carillon a forma di juke-box, che diffonde una musica tutt'altro che casuale, apparentemente scelta con agghiacciante lucidità. Qual è il messaggio segreto dietro questa messinscena? I macabri particolari della vicenda ossessionano Mattia Mantovani, un chitarrista dal passato tormentato, al punto da portarlo a collaborare con la squadra investigativa di cui fanno parte Marco Pioggia e Lara Tarantino, da poco trasferitasi in Italia dopo vari anni di collaborazioni in USA con l'FBi. Ma i tre dovranno agire in fretta. Da qualche parte, infatti, l'assassino sta per colpire ancora.

Capitoli brevi, omicidi allucinanti e un mistero fitto che inizia nel passato e arriva al presente. Una ragazza cattiva di Alberto Beruffi è un thriller inquietante e soffocante. È una storia che porta il lettore a far luce su i misteri di ieri e quelli di oggi, in un continuo passaggio tra gli anni Ottanta e la nostra epoca.
L'ambientazione è doppia: c'è un collegio esclusivo aperto agli studenti facoltosi e c'è Mantova dove vengono scoperti omicidi efferati.
Centro della storia è Marco Pioggia uomo dal passato doloroso che ha il compito di far luce su un mistero che sempre di più sembra avere radici nel passato. Ma ci sono anche tanti personaggi di contorno che raccontano le vicende dal loro punto di vista.


Durante la lettura mi sono ritrovata come a giocare con le tessere di un puzzle: il disegno generale a un certo punto mi è diventato piuttosto chiaro, quelle che mancavano erano alcune tessere. Perché Una cattiva ragazza è un romanzo inaspettato: uno dei fulcri della storia è la caccia, che in realtà è doppia. Da una parte si corre contro il tempo per trovare il colpevole degli omicidi e dall'altra c'è qualcuno che uccide le persone una dopo l'altra in maniera teatrale e con grandissima premeditazione.
Ad arricchire il tutto l'autore insinua numerosi i dubbi nella mente del lettore e crea anche tutta una stria di contorno. Il risultato finale è sorprendente!



È difficile parlare di un thriller come quello orchestrato da Beruffi senza rischiare di incappare nello spoiler, ma qualche altra cosa ve la posso dire. Ad esempio sulla scrittura: l'autore ha uno stile semplice, diretto, che arriva con facilità al lettore. I capitoli brevi sono una scelta azzeccata perché rendono la storia molto veloce. Il passaggio tra passato e presente non è confusionario, anzi va a creare ulteriore attesa e mette in uno stato di allerta. I personaggi sono ben delineati in base a caratteristiche ben precise. Sono dei classici esempi di come a volte non serva inerpicarsi in analisi dettagliate per trasmettere a chi legge una sensazione, per dare un'idea, per incasellare in una tipologia i personaggi che animano una storia.
Sono numerose le tematiche affrontate, alcune ve le evito per non togliervi la sorpresa, quello che vi posso dire però è che Una ragazza cattiva è un romanzo che parla di bullismo, di perdita e di musica.
Perché leggerlo → Perché è un thriller orchestrato alla perfezione e che ci regala ottimi colpi di scena!
Buona lettura!

Nessun commento:

Lasciami la tua opinione