mercoledì 25 marzo 2015

Sei il mio sole anche di notte

"La vera bellezza è quella che non svanisce e non crolla, ha bisogno di tempo. Di fatica. Di una resistenza incredibile. È la goccia lenta a creare una stalattite, il tremito della terra a dare origine alle montagne, il continuo infrangersi delle onde a spezzare le rocce e smussare i margini più aspri. E dalla violenza, dalla foga, dalla furia dei venti, dal rombo delle acque, emerge qualcosa che è migliore, qualcosa che altrimenti non sarebbe mai esistito. Per questo noi resistiamo. Abbiamo fede che esista uno scopo più elevato. Speriamo in qualcosa che non possiamo vedere. Crediamo che ci sia un insegnamento nella perdita, che ci sia potere nell'amore, e che dentro di noi ci sia il potenziale di una bellezza tanto magnifica che i nostri corpi non possono contenerla"


Sei il mio sole anche di notte
di Amy Harmon
Newton Compton Editori

Trama
Ambrose Young è bellissimo, alto, muscoloso, con lunghi capelli che gli arrivano alle spalle e uno sguardo che brucia di desiderio. Ma è davvero troppo per una come Fern Taylor. Lui è perfetto, il classico protagonista di quei romanzi d'amore che Fern ha sempre adorato leggere. E lei sa bene di non poter essere all'altezza di un ragazzo del genere... Ma la vita a volte prende pieghe inattese. Partito per la guerra dalla piccola cittadina di provincia in cui i due giovani sono cresciuti, Ambrose tornerà trasformato dalla sua esperienza in prima linea: è sfigurato nei lineamenti e profondamente ferito nell'anima. Fern riuscirà ad amarlo anche se non è più bello come prima? Sarà in grado di conquistarlo? Saprà curarlo e ridargli la fiducia in sé?


***
Se avete intenzione di leggere "Sei il mio sole anche di notte" preparate scorte di fazzoletti, perché è un romanzo ad alta dose di emozioni. Lo ammetto ho pianto veramente tanto, ma non solo per ciò che accade durante il romanzo, ma anche (e fosse soprattutto) per quello che accade dentro i protagonisti. Il loro modo di affrontare la vita e le catastrofi commuove profondamente.
Ma voglio soprattutto parlarvi dei tre splendidi personaggi che sono nati dalla penna della bravissima e talentuosa Amy Harmon, partendo da quello che più mi è rimasto nel cuore.
Bailey forte, coraggioso, sarcastico e vero. Bailey è il cugino di Fern e il suo migliore amico, è molto malato e questo lo porta a vivere con una consapevolezza da cui tutti dovremmo trarre insegnamento. Nel suo essere a volte molto diretto e duro, non c'è cattiveria, ma il desiderio di fare la differenza per le persone a cui vuole bene. L'ho adorato e più di tutti si è creato una nicchia nel mio cuore

"Lui però mi ha detto che, a posteriori, quella che gli era sembrata la cosa peggiore che potesse mai accadere si era trasformata in un dono incredibile. Mi ha detto che Bailey gli ha insegnato ad amare, a vedere le cose in prospettiva, a vivere per il presente, a dire ti amo spesso e con convizione. E a essere grato per ogni giorno. Gli ha insegnato la pazienza e la perseveranza"

Ambrose è un ragazzo buono, serio, impegnato. Mai una cattiveria, mai un eccesso. Però sente su di sé le aspettative di un'intera cittadina e questo lo porta a volersi allontanare per un po', per farlo sceglie la guerra, forse anche spinto dal desiderio di rendersi utile alla sua Patria. Tornerà ferito profondamente nel corpo e nell'anima, di quelle ferite che difficilmente si rimarginano e passano. Lui mi è piaciuto soprattutto dopo, quando lotta suo malgrado per ricostruirsi una vita. Non è facile superare dolori così forti e penetranti e già solo il provarci rende l'idea del valore di un essere umano.
Fern impacciata, innamorata, acuta e intelligente. Resta troppo a lungo avviluppata nell'idea di essere un brutto anatroccolo, ma, a parte questo, ha una forza e una bontà ammirevoli. Ama il cugino e si prende cura di lui con costanza e pazienza, ama Ambrose e neppure un volto sfigurato la allontana da quel sentimento che la spinge a fare di tutto pur di aiutarlo. L'ho trovata una piccola eroina dai capelli rossi.
"Sei il mio sole anche di notte" è un libro sulla bellezza, fisica, ma soprattutto dell'anima. Di come uno sguardo possa catturare molto di più dell'involucro se ci si concede di soffermarsi per un attimo sulle persone che ci circondano. Ercole può diventare un ragazzo normale e il brutto anatroccolo si può trasformare in un cigno. 
Leggetelo, vi resterà nel cuore. E se non lo avete fatto, leggetevi "I cento colori del blu" (qui la recensione) sempre della stessa autrice.

8 commenti:

  1. Wow, un bel romanzetto strappalacrime! Ci piace!

    RispondiElimina
  2. Bellissima recensione! <3 Sei riuscita ad intrigarmi con il tuo post. Carta e penna e aggiorno la wishlist! Baci

    RispondiElimina
  3. Grazie :) quando i libri sono belli è facile scriverne.
    Un bacione anche a te

    RispondiElimina
  4. Bellissima recensione cara, complimenti!!
    Mi è piaciuto moltissimo come hai parlato della storia e dei personaggi, si vede che ti hanno emozionata e che questo libro ti è entrato nel cuore! A breve lo inizierò anche io e spero di riuscire ad emozionarmi come te!
    Un bacione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena lo hai letto facci sapere cose ne pensi con una recensione, perché sono curiosa di leggere anche il tuo punto di vista.
      Credo che emozionerà molto anche te
      Baci

      Elimina
  5. Sono riuscita a leggerla anch'io, la tua recensione! Evviva!
    Noto che anche su di te Bailey ha fatto colpo XD
    Per me è il personaggio migliore di tutto il romanzo, senza ombra di dubbio!
    Devo ancora leggere "I cento colori del blu" ma lo farò, senza dubbio! Quest'autrice è già tra le mie preferite <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bailey è fantastico, l'ho adorato e credo davvero che bisognerebbe prendere esempio da come affronta la vita.
      I cento colori del blu è un bellissimo libro, mi era piaciuto tantissimo e dopo aver letto questo ammetto che anche per me è fra le più brave insieme a Colleen Hoover
      Baci

      Elimina