martedì 18 novembre 2014

La Guerra degli Elementi: Gli Eredi di Atlas

"Abbiamo solo due scelte Aurora: soccombere davanti alle nostre paure o combatterle" "Come si fa a combatterle?" "Con l'azione. Provando a fare tutto ciò che ci terrorizza. Aspettare, rimandare sono solo nutrimento per la paura che diventa sempre più forte. Si ingigantisce fino a diventare immensa e soffocarci. Se la sfidi scoprirai che la paura è la  sensazione più codarda che esista: fugge davanti agli audaci con la coda tra le gambe. Paura bussò alla porta. Coraggio andò ad aprire. Non c'era nessuno"


La Guerra degli Elementi
di Veronika Santiago


Trama
Scozia. Promesse di successo, di lavoro e di risposte, aiuto per una fuga: così uno sconosciuto convince un'aspirante cantante, un marinaio, una studentessa e un rampollo ricoverato in una clinica psichiatrica, a seguirlo su un'isola che è ovunque e in nessun luogo: OgniDove.
Là Aisha, Dean, Aurora e Duncan scopriranno il vero motivo per il quale sono stati condotti con l'inganno ai margini del mondo: la storia è incompleta. I dieci Reggenti dell'antica Atlas, all'apice della grandezza, si sono dati battaglia fino all'annientamento ma il loro potere sugli elementi non è andato perduto. Non sarà facile accettare di essere Eredi di un così gravoso fardello: tra dubbi e insicurezze, aiutati dagli abitanti di OgniDove, discendenti dei superstiti di Atlas, i ragazzi cominceranno l'addestramento per risvegliare le loro facoltà.Ma gli elementi sono cinque: dove si trova l'Erede dell'Etere? E quali sono i piani degli Altri Eredi? Inizierà così una lotta contro il tempo alla ricerca dell'Etere.


***
Questo libro mi ha tenuto compagnia nei giorni dell'alluvione e già questo vuol dire molto, infatti è riuscito a distrarmi un po' da quello che stava accadendo nella mia Liguria. 
Gli Eredi di Atlas, primo volume della saga urban fantasy scritta da Veronika Santiago, è un bel libro che tiene incollato il lettore dalla prima all'ultima pagina.
Perché la storia è coinvolgente e innovativa, perché Veronika Santiago sa scrivere e anche molto bene, quindi la lettura è fluida e non annoia e perché i personaggi sono ben tratteggiati tanto da farti affezionare ad ognuno di loro.
I miei preferiti? Sicuramente Aisha e Duncan. Soprattutto lui: in perenne lotta, in discussione, forte e impaurito. Un combattente nato la cui tenacia fa molta presa sul lettore, soprattutto se di sesso femminile. 
Aisha, invece, è saggia e consapevole, coraggiosa e combattiva e ha un grande cuore.
Aurora e Dean restano un po' sullo sfondo, forse a causa della loro diffidenza a "calarsi nella parte", anche se questo atteggiamento è senza ombra di dubbio quello più realistico fra i quattro, il risultato è che comunque caratterialmente mi hanno coinvolta meno. 
Alla base di tutto c'è la ricerca di se stessi e l'accettazione di quello che si è, ottimi spunti di riflessione, considerando quanto risulti difficile fare i conti con il proprio io interiore e cercare di essere sempre genuini.
Come ogni buon libro, alla fine restano tanti punti interrogativi che fanno venire voglia di gettarsi a capofitto sul secondo capitolo.
Brava Veronika, ora però vogliamo tutti leggere il secondo libro!

Per maggiori info: La guerra degli elementi

2 commenti:

  1. La recensione promette un libro d'alta tensione emotiva :)

    RispondiElimina
  2. Anche io avrò molto da dire riguardo questo primo libro :)

    RispondiElimina