venerdì 28 aprile 2017

Parola all'editore: #8 - Come scegliere l'editore giusto?

#8 L’editore giusto

Nell’ultimo post abbiamo parlato di promozione. Oggi facciamo un passo indietro. Abbiamo scritto il nostro libro, lo abbiamo letto, riletto, corretto e ricorretto. Fatto leggere e rileggere dai nostri beta reader di fiducia e abbiamo seguito i loro consigli, e ora? Dobbiamo cercare un editore che ci pubblichi!



A meno che non decidiamo di seguire la strada dell’autopubblicazione, abbiamo bisogno che un editore ci dia la fiducia investendo sul nostro libro. Ma come scegliere?

Innanzitutto potete dare un’occhiata al sito www.writersdream.org e iniziare a prendere confidenza con il mondo delle case editrici, avendo loro un bell’elenco e distinguendo tra case editrici a pagamento (EAP) e case editrici non a pagamento (NOEAP).

Dopo ciò, prendetevi un po’ di tempo (tanto tempo…) per spulciare i siti di quelle che vi ispirano di più. Questo è un passaggio importantissimo perché scoprirete se il vostro manoscritto ha i requisiti per rientrare nelle loro ricerche (per genere, lunghezza o altro), evitando a voi (e a loro!) perdita di tempo prezioso (vedi #1_la mail).

Tra voi e il vostro editore si stabilirà un rapporto sì, lavorativo, ma anche di fiducia reciproca, per cui è necessario che non vi fermiate al primo che vi passa sott’occhio: valutate bene ogni proposta, sia dal punto di vista economico che editoriale. Come dico sempre, il libro è il vostro, è una vostra creatura: non lasciatela nelle mani del primo che passa. Lo fareste con un figlio o un cucciolo?
Se siete alle prime pubblicazioni, è importante anche che ci sia un impegno da parte vostra nella fase di promozione. Per questo è preferibile scegliere una casa editrice che lavori sul vostro territorio, o vicino, in modo da poter organizzare insieme presentazioni o eventi in cui farvi conoscere.

Quindi:
  • Fatevi un elenco di case editrici “adatte” al vostro manoscritto;
  • Informatevi sul loro sito e sui diversi forum e pagine facebook dedicate agli scrittori;
  • Non abbiate paura di chiedere informazioni ai diretti interessati: se vi risponderanno male (o non vi risponderanno affatto) avrete già ottenuto la vostra risposta;
  • Se possibile, incontrate personalmente gli editori o i loro collaboratori.

Buona ricerca!

#IocomeJaneAusten party: Emma, il fauno e il libro dimenticato - Emma



Oggi parliamo di un libro molto particolare:"Emma, il fauno e il libro dimenticato" di Mechthild Gläser edito da Giunti, un romanzo che omaggia una delle scrittrici che amo di più Jane Austen


Emma, il Fauno e il libro dimenticato
di Mechthild Gläser

Giunti 

Trama
Emma frequenta il collegio di Stolzenburg, ospitato in un suggestivo castello oggetto di saghe e leggende.
Nella vecchia biblioteca, scopre un’antica Cronaca con uno straordinario potere: tutto ciò che viene scritto nelle sue pagine diventa realtà. Emma inizia subito ad annotare i suoi desideri ma non sempre le cose vanno per il verso giusto…
Inoltre, nelle pagine del libro, legge gli scritti di una ragazza misteriosamente scomparsa quattro anni prima. Gli avvenimenti provocati dalla sua penna si intrecciano con la ricerca della ragazza, in un susseguirsi di colpi di scena, innamoramenti, amicizie e avventure.
Un romanzo divertente, storia d’amore e racconto fantasy, che si legge tutto d’un fiato. Una versione moderna delle indimenticabili eroine di Jane Austen.

"Emma, il fauno è il libro dimenticato" è un romanzo ricco di misteri, inquietudine e sentimenti. Una storia che mescola le favole e le leggende con personaggi noti e situazioni già "viste" per chi ha letto i romanzi di Jane Austen. E parto col dirvi di non fare confronti, perché l'autrice non vuole copiare la scrittrice inglese, ma omaggiarla con una storia dove si sente l'eco delle sue parole.

La protagonista è Emma che torna a scuola e fa una scoperta che le cambia la vita: un libro capace di modificare gli eventi. Bello, potreste pensare. Leggendo questo romanzo vi dovete ricredere, perché nulla è come si può immaginare. Avere certi poteri è pericoloso. Ed Emma e la sua storia ce lo insegnano bene.
I nostri protagonisti saranno trascinati in un'avventura tale tinte dark, alla scoperta di misteri che si intrecciano fra passato e presente.

L'ho letto con la voglia di scoprire dove voleva arrivare l'autrice e con la sensazione di qualcosa che sta per succede da un momento all'altro. Sensazione che non mi ha mai abbandonata durante la lettura e che mi ha tenuta costantemente in tensione. Quindi posso tranquillamete affermare che si tratta di uno di quei YA che possono piacere anche a un pubblico più grandicello.
Oltre alla storia innovativa e particolare incontriamo personaggi che per chi, come me, conosce e ama la Austen non avranno nulla di particolarmente nuovo. Lascio, però, che siate voi a capire chi interpreta chi.
Lo stile è fluido, a tratti cita direttamente la Austen, ma in versione più ditta e modernizzata.
Un libro da leggere, ma non solo da chi ama la Austen, perché quel pizzico di mistero fa scorrere la storia alla velocità della luce.


Emma ed Emma

Se non ci sono grandi parallelismi fra la protagonista di questo libro con quella dell'omonimo libro
della Austen (Emma), non si può dire che per un altro personaggio l'autrice non abbia attinto a piene mani dalla sue collega ottocentesca e inglese.
Il papà del romanzo "Emma, il fauno è il libro dimenticato", rettore della scuola dove si svolgono le vicende, altri non è che il papà della Emma dell'omonimo libro della Austen. Un uomo un po' afflitto, che si affida alla figlia, particolarmente ipocondriaco e paranoico. Nella versione moderna ha delle piccole manie (la sistemazione dei farmaci) e reagisce in maniera piuttosto esagerata agli eventi, anche se questi sono solamente piccoli incidenti.













Il Blogtour  e il party #IocomeJaneAusten finisce qui, ma ricordatevi che una copia cerca casa e quindi recuperate le vecchie tappe

a Rafflecopter giveaway




mercoledì 26 aprile 2017

Libri & cucina con Francesca: corse contro il tempo

Questa settimana mi viene in aiuto la mia amica Laura e la sua torta dei cinque minuti, che io ho adatto per i Bimby addicted come me! Una torta davvero semplicissima, ma gustosa, che ho accompagnato con una veloce e altrettanto golosa salsa al cioccolato, anche per darvi un'idea su come smaltire il cioccolato delle uova di Pasqua: si può fare infatti sia con il fondente che con il cioccolato al latte.
Pensando a corse contro il tempo e colpi di scena, mi è subito venuto in mente un libro celebre da abbinare: Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne.
Buon appetito e buona lettura!

Il giro del mondo in 80 giorni
di Jules Verne
Bur 


C’È STATA UN’EPOCA IN CUI SI VIAGGIAVA SOLO IN CARROZZA, NAVE O TRENO. FATE VOLARE FINLÌ LA FANTASIA ED ECCOVISULLE TRACCE DI PHILEASFOGG, IL GENTILUOMO CHE GIRÒ IL MONDO IN OTTANTA GIORNI, VINSE UNA SCOMMESSA E TROVÒ L’AMORE.

LA TORTA DEI CINQUE MINUTI

Ingredienti per uno stampo da 20 cm

2 uova
200 grammi di zucchero
60 grammi di olio di semi
200 grammi di farina 00
100 grammi di latte
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
buccia di 1 di arancia grattugiata
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
150 grammi di acqua calda

per la salsa al cioccolato:
150 grammi di cioccolato a pezzi
20 grammi di burro morbido
100 grammi di latte


Con il Bimby:
Nel boccale versare tutti gli ingredienti (tranne l'acqua) e mescolare 30 secondi velocità 3/4. Aggiungere l'acqua calda e amalgamare ancora 30 velocità 3/4. Versare in uno stampo rivestito di carta forno e infornare in forno ventilato preriscaldato a 180°C. Cuocere per circa 40 minuti, quindi sfornare e lasciare intiepidire prima di togliere dallo stampo.
Per la salsa al cioccolato: tritare il cioccolato 15 secondi velocità 8. Unire il burro e il latte e cuocere 5 minuti a 50 gradi e velocità 4.
Servire la torta a fette con la salsa al cioccolato.

Senza il Bimby:
In una ciotola unire tutti gli ingredienti (tranne l'acqua) e mescolare con un cucchiaio di legno. Aggiungere l'acqua calda e amalgamare ancora. Versare in uno stampo rivestito di carta forno e infornare in forno ventilato preriscaldato a 180°C. Cuocere per circa 40 minuti, quindi sfornare e lasciare intiepidire prima di togliere dallo stampo.
Per la salsa al cioccolato: tritare il cioccolato con il coltello.Versare in un pentolino con il burro e il latte e cuocere 5 minuti a fuoco basso mescolando.
Servire la torta a fette con la salsa al cioccolato.

Anteprima: Accadde una notte d'estate

Oggi voglio segnalarvi un'uscita del 2 maggio a cui tengo particolarmente perché porta la firma di una blogger e scrittrice che stimo molto e che finalmente sono riuscita ad abbracciare in occasione di Tempo di Libri a Milano. Segnatevi questa data: 2 maggio perché troverete Accadde una notte d'estate di Rosy Milicia edito Amazon Publishing

Accadde una notte d'estate
di Rosy Milicia
Amazon Publishing

Trama
I colori intensi del mare siciliano, i suoni esotici del dialetto, il gusto delle granite al limone, il profumo di libri sfogliati e riletti all’infinito. È questo il mondo di Eva Catalano, la chiù bedda fimmina di San Saba, che tutti in paese conoscono.
La tranquilla esistenza di Eva è fatta anche e soprattutto di parole: le scrive nei romanzi che sogna di pubblicare, le compone nelle canzoni in dialetto dei Dintra ’u Focu, le custodisce nel fondo della propria anima e a volte fanno male. Quel dolore nasce dal passato e si chiama Massimo De Santis: amico di infanzia e compagno di ogni estate, il suo primo amore, uscito ormai dalla sua vita da oltre dieci anni.
Un giorno Massimo riappare: il ricordo di un bacio sarà sufficiente a riallacciare i sottili fili del loro legame?
Rosy Milicia ci regala un appassionante romanzo che ha il profumo dolce di una stranizza d’amuri: un incredibile viaggio delle seconde opportunità, un’irresistibile forza che presto coinvolgerà vecchi e nuovi amici... Ne nasceranno altre emozionanti storie d’amore?
Bio
Rosy Milicia è una giovane siciliana che studia giornalismo e “da grande” vuole fare la scrittrice. Crede nei sogni e nella forza di volontà, divora parole, ama i libri dal retrogusto nostalgico e si sente una giapponese mancata. Quando non si allena, si dedica al suo blog letterario: il Dragonfly. Accadde una notte d’estate, il suo primo romanzo con Amazon Publishing, “ha il sapore della vita bella” (Amabile Giusti).

Blogtour: Dieci motivi per leggere Obsession


Si conclude qui il blogtour dedicato ad Obsession lo spin-off della serie Lux nata dalla penna di Jennifer Armentrout

Obsession
di Jennifer Armentrout 
Giunti

Trama
Serena Cross aveva accolto con scetticismo il racconto della sua migliore amica, convinta che il figlio di un potente senatore fosse coinvolto in un incredibile complotto. Ma, dopo avere assistito con i propri occhi all'omicidio dell'amica, Serena non può più dubitare: è lei stessa in pericolo. Così accetta suo malgrado la guardia del corpo che il Dipartimento della Difesa le assegna perché vegli sulla sua sicurezza: Hunter. Arrogante, prepotente, eppure terribilmente affascinante... Ma se lui conosce a memoria il dossier di Serena, lei ignora tutto del suo protettore. Soprattutto il fatto che il più grande pericolo per lei potrebbe essere proprio Hunter.

10 MOTIVI PER LEGGERE OBSESSION 


1) Hunter - Potrebbe essere anche l'unico e solo motivo, perché Hunter è il mio nuovo super fidanzato di carta con il suo carattere arrogante, senza peli sulla lingua, ironico ed esplosivo. È bello bellissimo, letale e super sexy. E a me manca già un sacco.

2) Nuovi punti di vista -  Finalmente conosciamo la storia da altre voci. Abbiamo sempre immaginato gli Arum come creature cattive, senza cuore... Grazie a Obsession leggiamo tutt'altro, perché si sa prima di prendere una posizione bisogna ascoltare tutte le campane. E diciamocelo, quella di Hunter non è niente niente male.

3) Incontri speciali - A un certo punto potrete incontrare vecchie conoscenze che è sempre un piacere poter riabbracciare. La storia di Hunter e Serena, infatti, si inserisce a circa la metà della serie Lux.

4) Serena È una protagonista con gli attributi. Tutti la vogliono morta, scopre cose che farebbero gridare per giorni interi chiunque, si ritrova come babysitter un uomo estremamente pericoloso e ha ancora la forza di ribellarsi. Vai così Serena! (Poi è bassina e burrosa: ragazze è una di noi).

5) Cose da adultiRispetto al resto della serie, la storia narrata in Obsession è più adulta: il rapporto tra i due si evolve in fretta e va parecchio oltre i primi baci... parecchio! Hunter è un uomo molto focoso.

6) Azione e colpi di scenaNon vi annoierete di certo, la Armentrout ci regala una storia che non lascia molti attimi per riprendere respiro: azioni e battaglie si mescolano a una parte più romantica (ma non troppo). Insomma un mix a cui è impossibile dire di no.

7) Gli alieni più fighi dell'universoPossiamo dirlo con certezza: i Lux e gli Arum sono gli alieni più sexy e fighi in assoluto, che quasi quasi un rapimento alieno non mi dispiacerebbe.

8) Cattivi cattivissimi - Sono potenti, letali e disposti a tutto pur di perseguire i propri scopi. Metteranno veramente alle strette i nostri due protagonisti, tanto che dovranno davvero faticare per provare ad uscirne indenni. Ci riusciranno?

9) Libri che si leggono tutti d'un fiato - Cercate un libro che vi trascini in una storia impossibile da mollare, ma che al tempo stesso sia veloce da leggere? Obsession è quello che fa al caso vostro. Occhio però, potrebbe procurarvi un'insonnia librosa: non potrete dormire fino a quando non sarete arrivati alla parola fine.

10) Santissima Armentrout - Questa autrice sforna libri bellissimi, popolati dagli uomini dei nostri sogni e che trasmettono messaggi importanti. In questo ci fa capire che l'amore è amore: non importa chi, come, quando: se il sentimento ci travolge tutto il resto scompare.



Questo blogtour finisce qui, ricordatevi di partecipare e di provare ad adottare copia di Obsession e una autografata di Oblivion 1



a Rafflecopter giveaway