giovedì 19 luglio 2018

Review party: Una ragione per dirti di no


Oggi vi parlo di un'autrice che avevo amato in una precedente serie Newton Il nostro segreto universo. Esatto si tratta di Rebecca Donovan che torna con la Cursed series e il primo volume:  Una ragione per dirti di no, un romanzo molto diverso dai precedenti che lascia però addosso la smania di sapere di più.
La recensione fa parte di un review party.

Una ragione per dirti di no - Cursed Series #1
Rebecca Donovan
Newton Compton Editori

Trama
Lana Peri ha quindici anni e non ha paura di dire quello che pensa, persino quando, così facendo, rischia di mettersi nei guai (cosa che in effetti succede spesso). La sua incapacità di filtrare i pensieri non le ha fatto guadagnare molte simpatie. Lana ha sempre saputo che la verità sarebbe stata la sua rovina. Ma non aveva idea che sarebbe successo così presto. Accade tutto in una notte, davvero indimenticabile. Ma non nel senso positivo del termine, perché Lana assiste non a uno, ma a ben due crimini violenti commessi dalla stessa persona. E sa perfettamente che se vuole proteggere i suoi amici, non potrà dire una sola parola. Il silenzio, però, fa di lei una complice del colpevole. Non che abbia scelta. Lui è potente. Intoccabile. Ed è amico di Joey Harrison, il ragazzo per cui Lana ha una cotta sin dal momento in cui si sono conosciuti. Il silenzio li proteggerà, ma tutte le bugie per mantenerlo la potrebbero annientare. Ma la verità non avrà pietà per nessuno di loro.

Vi ricordate la trilogia Il nostro segreto universo? Se avete risposto sì, dimenticatevene, perché con Una ragione per dirti di no - volume numero uno della Cursed Series - si cambia stile, ma anche argomenti affrontati.
Questa volta la Donovan ci porta a conoscere una ragazza che vive ai limiti. Una madre che non riesce pienamente a prendersi cura di lei, una situazione un po' delicata in cui lei deve attivamente intervenire per far andare avanti la famiglia, troppa libertà che la porta a fare scelte sbagliate per avere solo 15 anni. 
E una serie di queste scelte la condurranno sulla strada di un ragazzo pericoloso e senza scrupoli.

"Non sono mai stata fuori da Sherling prima di stasera Quella città ha un suo modo di intrappolare le persone all'interno dei suoi confini"

Lana è dedita alla verità, le bugie non fanno proprio per lei. Ma le dovrà dire e dovrà anche dirne parecchie se vorrà che le cose restino a posto, che il suo gruppo di amici non abbia problemi.
Una ragione per dirti di no è un romanzo che praticamente si svolge in una notte. Una notte strana e insidiosa. Che vede la nostra protagonista partire da una festa per poi dirigersi verso uno dei club più esclusi e segreti della zona in cui vive
Nel tragitto e in quella discoteca così controllata succederanno alcune cose che porteranno Lana non solo ad avvicinarsi a un giovane appena conosciuto (Joey Harrison) ma anche a fare i conti con segreti pericolosi. 
Rebecca Donovan mischia le carte in tavola e se da una parte ci lascia senza parole nella lettura di una storia che sembra fuori dalle sue corde, dall'altra ci fa rimanere incollati alle pagine.

"Non posso dire di essere convinta che ci sia qualcosa di meglio ad aspettarmi fuori da Sherling, ma mi rifiuto di essere l'ennesima delle sue storie: prevedibili e senza senso, condannate a ripetersi. Sempre la stessa fine. Dopo stanotte, comunque, non credo che avrò voce in capitolo in quello che succederà. Forse non l'ho mai avuta"

Una ragione per dirti di no è un romanzo che ho trovato in parte duro, perché racconta di una gioventù deviata, con anche una buona dose di giallo. Dall'altra romantico, perché l'attrazione crescente fra Lana e Joey è qualcosa a cui l'autrice ci ha abituato e che sa raccontare molto bene. Se devo dire dove ho ritrovato con forza lo stile della penna di Rebecca Donovan sono proprio i sentimenti.
Aspetto il seguito.
Buona lettura!



Nessun commento:

Lasciami la tua opinione