giovedì 16 giugno 2016

Segnalazioni Edizioni Leima

Oggi vi parlo della uscite della casa editrice Edizioni Leima di Palermo, una piccola realtà editoriale, indipendente e non a pagamento. Si tratta di due libri molto interessanti, scopriamoli insieme



La bellezza dell’acqua
di Alberto Bellavia, Adriana Iacono, Rosalia Maria Lo Bue
Edizioni Leima


Trama
La bellezza dell’acqua è un romanzo collettivo unico nel suo genere, dove il racconto e il vissuto hanno confini labili. Alberto, Adriana e Lia partecipano a un corso di scrittura. L’insegnante Betta racconta loro dell’omicidio del commissario Tandoj, un agguato in piena regola durante il quale ha perso la vita anche il giovane Ninni Damanti, colpito da una pallottola vagante. I tre sono chiamati a osservare quei delitti da una nuova prospettiva e finiranno per tracciare tre personaggi così reali da sembrare veri, fin quando la scrittura non diventa catartica e chiarificatrice anche nei loro stessi confronti. Ma in questo viaggio non saranno soli: qualcuno, a loro insaputa, muove i fili di tutta la storia e guida i loro passi. Chi sarà? E per quali ragioni li avrà spinti a scrivere?

Alberto Bellavia è nato a Palermo e vive ad Agrigento. Ha svolto studi umanistici in varie città d'Italia. È archivista e bibliotecario.
Adriana Iacono vive ad Agrigento e insegna Inglese. Ha pubblicato racconti, articoli e recensioni su: La Mosca di Milano, Writers Magazine Italia, Vibrisse, Fuorivista, Suddovest. Suoi racconti sono presenti in libri editi da Giulio Perrone Editore. Ha recensito numerosi romanzi per i premi letterari della casa editrice Delos Books. Nel 2009 ha curato la pubblicazione dell'antologia Alice nelle città. Per L'Aquila. Nel 2013 ha pubblicato il romanzo collettivo Il libro delle vergini imprudenti, nato da un’idea di Beatrice Monroy. Il suo romanzo La terra dei liberi sognatori ha vinto l'edizione 2015 del concorso letterario “IoScrittore” ed è stato pubblicato da Gems in versione eBook.
Rosalia Maria Lo Bue, detta Lia, è nata ad Agrigento il 14 settembre 1963. Dopo il diploma di maturità classica si iscrive nel 1981 al corso di laurea di Lingue e letterature straniere presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Palermo, dove nel 1986 consegue la sua prima laurea e nel 2007 la seconda in Lingue e culture moderne. È sposata ed è mamma di tre figli. Dopo una grave malattia e due laboratori con Beatrice Monroy, ha iniziato a scrivere e da allora ha pubblicato cinque sillogi poetiche: Versi per un arcobaleno peregrino, Dedicato a, Chi sono e chi vorrei essere, Dedicato al Tempo e Battiti di ciglia. Oltre alla poesia occidentale, una delle sue passioni, nata dopo aver conosciuto lo shiatsu e l'oriente, è la composizione di haiku. Insegna Lingua e letteratura inglese presso il Liceo Scientifico e Musicale Ettore Majorana di Agrigento.

***

La tua impronta su di me
di Giada Lo Porto
Edizioni Leima


Trama
Giulia vive un momento di svolta. La sua adorata madre è morta troppo presto, il suo fidanzato non ha mai tempo da dedicarle e suo padre è tornato nella sua vita dopo averla abbandonata da bambina, portando con sé una proposta: provare a essere di nuovo una famiglia, ma ad Amsterdam. Lì Giulia entrerà in contatto con le sue emozioni e i suoi desideri più profondi, pubblicherà il suo primo romanzo e capirà cosa vuole per se stessa tra le braccia di un uomo sbagliato. Ma quando si renderà conto di chi è veramente innamorata, sembrerà essere troppo tardi. Il loro momento per stare insieme è passato o deve ancora arrivare?

Classe 1990, da sempre amante della poesia e dell’arte in ogni sua forma, Giada Lo Porto ha deciso di seguire la sua passione più grande: la scrittura. Laureata in Giornalismo per uffici stampa all’Università degli Studi di Palermo (Facoltà di Scienze della Formazione) inizia a collaborare nel 2011 con un’emittente televisiva siciliana, Cts e, due anni dopo, con il quotidiano di informazione Livesicilia. Attualmente collabora con il quotidiano La Repubblica - Palermo e realizza servizi video per Repubblica Tv.



Nessun commento:

Lasciami la tua opinione