mercoledì 11 febbraio 2015

Libri & cucina: il tè delle cinque insieme a Jane Eyre

Cosa c'è di meglio che unire del buon cibo con un ottimo libro? È da tempo che mi frulla in testa l'idea di abbinare a un piatto un romanzo, come si fa con il vino. 
Per fortuna ho trovato un'amica che non mi ha guardata come se fossi una pazza (grazie Fra) e si è fatta coinvolgere in questo mini progetto. 
Ed eccoci qui.
Oggi vi propongo Jane Eyre, uno dei romanzi che ho amato di più e il cui protagonista mi fa ancora battere il cuore, poi vi lascio a una breve presentazione della mia compagna di avventura che vi sottoporrà una ricetta facile e veloce. E, naturalmente, si tratta di biscotti da accompagnare al tè.

"Provai un acuto piacere a guardarlo…; un piacere caro e opprimente: oro puro con una punta d'acciaio di agonia; un piacere simile a quello che può provare un uomo che muoia di sete, che sa che il pozzo a cui si è inginocchiato è avvelenato, e ciononostante aspira alla divina bevanda"



Jane Eyre
di Charlotte Bronte
Newton Compton

Trama

Jane Eyre è il capolavoro di Charlotte Brontë, l’affresco vivissimo di un’epoca e di una società, la storia di una proposta d’amore inaccettabile dal punto di vista della morale corrente ma che innesca il tormento della passione e la conseguente repressione. Potente figura femminile, l’eroina del romanzo ha ispirato numerose versioni cinematografiche. Cenerentola priva del candore della fiaba, Jane è la piccola governante che affascina e poi sposa il suo padrone, né bella né attraente secondo i canoni ottocenteschi della femminilità, forse ignara delle arti sottili della seduzione, ma animata da una volontà incrollabile che travolge ogni ostacolo e la preserva immune dalle tentazioni disseminate sull’aspro cammino che conduce alla realizzazione di sé come donna.


***

Ciao a tutti! Sono Francesca, come Virginia mamma, moglie e giornalista, appassionata lettrice e cuoca entusiasta. Proprio davanti a una golosa fetta di cheescake Virginia mi ha coinvolto in questo progetto che vuole unire cibo e libri e molto volentieri condividerò con voi le mie ricette. 
Sempre divisa fra la curiosità di provare piatti nuovi e l'esigenza di fare presto, sono una fervente osservante del Bimby che semplifica parecchio la vita! La ricetta che vi propongo oggi rientra appunto fra quelle veloci, ma di effetto.

Biscotti alle mandorle, con e senza Bimby.



Ingredienti
270 g farina 00
80 g zucchero a velo + q.b. per spolverare i biscotti
1 uovo 
1 pizzico di sale
100 g mandorle non tostate, tritate
200 g burro (se preferite margarina) 
½ bustina lievito per dolci vanigliato



Con il Bimby:
Inserire lo zucchero nel boccale e polverizzare: 7 sec. vel 10. Unire le mandorle e tritare 10 sec. vel. 8; aggiungere il resto degli ingredienti e amalgamare 30 sec. vel. 5. 
Dare una forma ai biscotti con le mani (io qui ho fatto delle palline e poi le ho schiacciate al centro con il pollice), con le formine o con la sparabiscotti. Distribuirli sulla placca rivestita di carta da forno lasciando un po' di spazio perché, essendoci il lievito, in cottura cresceranno. Cuocere in forno ventilato a 180° per circa 15 minuti (devono diventare dorati, ma non troppo).


Senza Bimby:
Tritare le mandorle (oppure potete usare della farina di mandorle). In una terrina lavorare tutti gli ingredienti: la farina, il lievito, lo zucchero a velo, le mandorle tritate, il burro a pezzetti, l'uovo e il pizzico di sale. Proseguire come per l'altra ricetta.

Le ricette di Francesca sono pubblicate anche qui




2 commenti:

  1. Mi piace moltissimo l'idea delle ricette da abbinare ai libri!
    Io avevo pensato di fare un post su come preparare il tè perfetto in stile "Alice nel Paese delle Meraviglie", perché adoro sbizzarrirmi in cucina e preparare dolci... oltre ad essere una forte bevitrice di tè e infusi ;)
    Proverò i biscotti alle mandorle, e soprattutto stasera sfoglierò qualche pagina di Jane Eyre, libro splendido di cui hai parlato in modo prefessochè perfetto <3
    Bellissimo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Devi scriverlo assolutamente, te lo dico da amante di tè e tisane. Adoro quella parte di "Alice nel paese delle meraviglie" e non vedo l'ora di leggere come festeggiare alle perfezione il mio "Buon non compleanno" :)

      Elimina