mercoledì 14 gennaio 2015

Uno splendido sbaglio

"Se pensi di amare due persone, scegli la seconda, giusto? Perché se avessi amato davvero T.J., non mi sarei potuta innamorare di te"


Uno splendido sbaglio
di Jamie McGuire
Garzanti

Trama

Agli occhi di tutti Cami è forte e indipendente. Al secondo anno alla Eastern University, vive sola e si paga gli studi facendo la barista al Red Door. Ma dietro quell’aria da ragazza determinata e testarda si nascondono tante insicurezze. Perché Cami è dovuta crescere in fretta, circondata dai suoi possessivi fratelli e da un padre che non ha mai approvato nessuna sua scelta. 
Trent Maddox fa il tatuatore e sa come mettersi nei guai. Se nasce una rissa è stato lui a cominciarla e se c’è un cuore spezzato è quasi sempre colpa sua. Qualcosa nel suo passato gli ha lasciato ferite profonde mai rimarginate. Da quel momento ha chiuso il mondo fuori. C’è un solo avvertimento per quelli come lui: stargli alla larga. Cami lo conosce bene. Ha visto tutte le sue conquiste e le sue bravate, e sta molto attenta a mantenersi sempre a distanza di sicurezza. 
Ma una sera si incontrano per caso e Trent le offre da bere. Senza un secondo fine, vuole solo esserle amico. Cami non ci crede e avverte subito il pericolo, non ha intenzione di farsi travolgere da lui come fanno tutte le altre. Non si può essere solo amiche di un ragazzo come Trent. Eppure standogli accanto, giorno dopo giorno, scopre la dolcezza di quegli occhi che sembrano aver scoperto le sue fragilità e vogliono solo proteggerla. Fino a quando Trent confessa di volere qualcosa più dell’amicizia. E come dice suo fratello Travis, se un Maddox si innamora è per sempre. Così è stato per lui e la sua Abby. Ma Cami non può permettere che questo accada. Sarebbe un grosso, imperdonabile sbaglio. Perché c’è una verità che Trent non conosce e lei deve fare di tutto perché non la conosca mai. 


***
Sapete qual è l'unica cosa che mi è veramente piaciuta di questo libro? L'unica che non posso rivelarvi, perché vi rovinerebbe la lettura. "Uno splendido sbaglio" non mi ha entusiasmata né emozionata particolarmente, l'ho letto solo perché fremevo per arrivare alla fine e vedere se riuscivo a spiegarmi un po' di cose.
Non mi è piaciuto innanzitutto per colpa di Cami, la protagonista femminile, che sembra una dura, ma in realtà non lo è, anzi si rivela abbastanza succube. Non è un personaggio che irrompe in maniera dirompente nel libro, non ha carattere e poi non amo gli eterni indecisi.
Trenton, invece, il fratello Maddox tatuatore, mi ha detto qualcosa di più. Intanto è un decisionista, ha le idee chiare sin da subito e cerca di centrare l'obiettivo. Poi è ben definito e ha un cuore grande. Se devo trovargli un difetto, come il fratello Travis Maddox (conosciuto nei due romanzi precedenti) è un po' troppo schiavo del suo testosterone. 
Pollice verso anche per la coinquilina e migliore amica di Cami, Raegan  che, vi potrà sembrare difficile, ma riesce a battere anche la protagonista in indecisione.
Ho adorato, invece, Hazel di mestiere piercer: simpatica, genuina e spontanea. Una boccata d'ossigeno in un libro dove sembra che le protagoniste siano le bugie.
La storia poteva essere molto più interessante, si salva nel finale.

2 commenti:

  1. Ciao, anche a me è piaciuto tantissimo questo libro (ne ho scritta la recensione sul nostro piccolo ed emergente blog che condivido con una cara amica: Recensione Uno splendido sbaglio - Jamie McGuire una tua visita sarebbe immensamente gradita) che ho appena finito reduce da due giorni di intensa malattia...
    Il finale mi ha lasciato a dir poco spiazzata, però...
    Non vedo l'ora di leggere il seguito *-*
    (Mi scuso per l'eventuale spam indesiderato)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, in verità mi è piaciuto solo il finale. I personaggi non mi hanno lasciata a bocca aperta e la storia è decisamente un ni!
      Passo volentieri :)

      Elimina