martedì 27 giugno 2017

Recensione: Matrimonio di convenienza

                                                                                             


Matrimonio di convenienza
di Felicia Kingsley
Newton Compton

Trama
Jemma fa la truccatrice teatrale, vive in un seminterrato a Londra e colleziona insuccessi in amore. Un giorno però riceve una telefonata dal suo avvocato che potrebbe cambiarle la vita: la nonna Catriona, la stessa che ha diseredato sua madre per aver sposato un uomo qualunque e senza titolo nobiliare, ha lasciato a lei un’enorme ricchezza. Ma a una condizione: che sposi un uomo di nobili natali. Il caso vuole che l’avvocato di Jemma segua un cliente che non naviga proprio in acque tranquille: Ashford, il dodicesimo duca di Burlingham, è infatti al verde e rischia di perdere, insieme ai beni di famiglia, anche il titolo. Ashford è un duca, Jemma ha molti soldi. Ashford ha bisogno di liquidi, Jemma di un blasone… Ma cosa può avere in comune la figlia di una simpatica coppia hippy, che ama girare per casa nuda, con un compassato lord inglese? Apparentemente nulla… Il loro non sarà altro che un matrimonio di convenienza, un’unione di facciata per permettere a entrambi di ottenere ciò che vogliono. Ma Jemma non immagina cosa l’aspetta, una volta arrivata nella lussuosa residenza dei Burlingham: galateo, formalità, inviti, ricevimenti e un’odiosa suocera aristocratica. E a quel punto sarà guerra aperta…

«Quando la vedo mi sembra di vedere un quadro di Picasso: tutto scomposto, spigoloso, distorto. Solo che nel caso di Picasso si tratta di un linguaggio artistico, per Jemma credo che sia accidentale»


Divertente, pieno di ironia e con due protagonisti spassosissimi: Matrimonio di convenienza di Felicia Kingsley mi ha tenuto compagnia e si è fatto leggere in pochissimo tempo. La più grande qualità di questo libro è la capacità di intrattenere il lettore e di portarlo in quel mondo glamour e pieno di manie che è l'aristocrazia inglese.

«Sono in preda alla confusione più totale. 
Quella confusione che parte dalla testa e arriva alla pancia.
Avete presente quella sensazione di vuoto che si prova quando si precipita in caduta libera?»

Prendete una persona eccentrica, sopra le righe e mettetela in un salotto dell'alta società: sarà come se in quella stanza fosse entrato un elefante. È quello che succede alla protagonista del divertente libro edito da Newton Compton: Jemma. Una donna che riesce a portare grande scompiglio in un mondo dove l'etichetta la fa da padrona e che, suo malgrado, deve fare i conti con Ashford il duca di  Burligham.
I battibecchi fra i due, ma anche le situazioni imbarazzanti in cui si troveranno, rendono Matrimonio di convenienza una lettura da fare sotto l'ombrellone. Una lettura perfetta per trascorere delle ore piacevoli, sorridere molto e sognare un po', cosa che non guasta mai.

«Fidarsi di qualcun altro è sempre un salto nel vuoto»
«Ma io salto con te»

C'è solo un unico problema in questo libro, il fatto che letto in pubblico potrebbe strapparvi qualche risata e la cosa potrebbe risultare imbarazzante, leggetelo solo se siete certi di riuscire a trattenervi, o di essere nel posto giusto per farvi una sana risata. A parte gli scherzi, è veramente un libro che mescola con sapienza ironia, romanticismo, tiare e gioielli... perché chi non vorrebbe essere duchessa almeno per un giorno?
Felicia ci mostra ci racconta la storia attraverso il pov di entrambi i protagonisti e racconta direttamente ai lettori quello che accade, questo stile fa sempre molta presa su di me, perché mi fa sentire maggiormente coinvolta nella narrazione.
Che aspettate?

Buona lettura

1 commento: