venerdì 2 dicembre 2016

Non dirgli che ti manca

«Vorrei conoscerti come nessuno ti ha mai conosciuto, 
perché ti desidero fino ad annientarmi»

Non dirgli che ti manca
di Alessandra Angelini
Newton Compton

Trama
Isabella è a pezzi. Deve vedersela con un padre di successo, per il quale non c’è un altro futuro possibile se non quello che lui stesso ha immaginato per la figlia. E come se non bastasse, il suo fidanzato, quello che secondo tutti era il ragazzo perfetto, la tradisce spezzandole il cuore. Così decide che è arrivato il momento di cercare la propria strada e trasferirsi da Roma a Bologna per studiare. Ma la vita è sempre pronta a sorprenderti: nel caso di Isabella l’imprevisto si chiama Denis, tatuatissimo batterista dei Bad Attitude. In una notte che cambia tutto, Isabella infrange ogni regola. I due si imbarcano in una relazione turbolenta, fatta di lunghe separazioni, resa complicata dall’insofferenza del padre di lei e dalle insicurezze della ragazza. Nonostante le differenze sociali, quello che Denis e Isabella provano l’uno per l’altra è un sentimento insopprimibile, forte e delicato, violento e dolce allo stesso tempo, qualcosa che va oltre le regole, ma che non sembra destinato a finire, come quelle melodie che entrano nella testa e non se ne vanno più…


Una band punk rock, una ragazza a pezzi e poi musica, amore, dipendenza, segreti, perdono.

C'è tutto questo in "Non dirgli che ti manca" di Alessandra Angelini, nato come self, recentemente ripubblicato da Newton Compton.

Un libro che ho divorato, che racconta di una band che ho amato, i Bad Attitude, che mi è sembrato di vedere, ascoltare, percepire su quei palchi dove hanno suonato.

Un libro pieno di personaggi che mi sono entrati nel cuore

«Che stupidi viaggiatori del sogno siamo»

Come Isabella, così distrutta dalla vita, rotta, ma così forte nel saper compiere passi avanti quando altri sarebbero crollati e andati in frantumi.

«Ero davvero felice? Non avrei dovuto aver fretta di rispondere. 
Avrei dovuto pensarci bene, perché una volta che le risposte prendono forma nella tua mente non c'è più modo di tornare indietro»

Denis che è un pilastro, che in certi momenti sembra perdere il senso, la strada maestra, ma poi quello che conta è che la ritrova e che lui c'è.

E tutti gli altri ragazzi, che ho imparato a conoscere nel corso del libro e che mi hanno insegnato tanto. Che si può combattere e vincere i propri demoni se si ha una "famiglia" vicina. Che le responsabilità non fanno paura se si ama. Che si può fare la scelta giusta senza bisogno di dirlo a nessuno.

Alessandra Angelini firma un libro che è un treno in corsa: parte con una fuga, prosegue con una storia, si immette in un vortice di eventi musicali, relazionali e familiari e porta a un unico traguardo: i sentimenti. Toccando ogni spetto di emozione.

L'autrice alterna una scrittura semplice e diretta a momenti molto forti sia sulla carta, che nel cuore di chi legge. Il tutto condito da dialoghi che hanno il sapore della chiacchierata con gli amici.

Un libro da leggere.

2 commenti:

  1. Grazie di cuore Virginia per questa recensione meravigliosa <3 Mi sono emozionata nel leggerla, grazie davvero.

    RispondiElimina
  2. Lo leggerò assolutamente, che meravigliosa recensione! *_*

    RispondiElimina