lunedì 13 giugno 2016

Lui vuole me

"Ciò che deve succedere succede. Ma c'è sempre una scelta. Possiamo scegliere se andarci incontro o andarci contro"

Lui vuole me
di Ava Lohan
Self

Trama
Mancano diciassette giorni per prendere i voti, quando per salvare il convento mi ritrovo costretta ad accettare il compromesso del suo nuovo arrogante proprietario.
Lui vuole me, una novizia, per due settimane. Il mio corpo in cambio del convento. Questa è la sola possibilità che mi offre per non perdere la mia casa.
Ma Kegan Anderson non è come la maggior parte dei ragazzi: lui è a capo del Lust, il club privato più esclusivo e lascivo di Long Island. Ed è lì che vuole portarmi.
Kegan è abituato a vendere il suo corpo e quello dei suoi dipendenti. Non prova niente per nessuno e non va mai a letto più di una volta con la stessa persona a meno che questa non lo paghi.
In questi quattordici giorni non posso negargli il mio corpo, ma devo riuscire a preservare il mio cuore e a ignorare l’attrazione che sento per lui e ciò che mi fa provare. Perché Kegan è una bestia. E la bestia non ama, distrugge.

***

"Accade sempre soltanto quello che sarebbe potuto accadere. Tutto il resto, i rimorsi, i rimpianti, i senni di poi, sono solo stronzate. Sentirsi in colpa non cambia le cose. Io regalo alternative, per espiare le mie cazzate. E questo sì, che può cambiare la vita di qualcuno. Non rimedia a nessuno degli errori, ma è una specie di consolazione".

Piccante, originale e scritto bene: "Lui vuole me" di Ava Lohan non è un libro per tutti i palati, certo, ma nel suo genere è un romanzo che si legge con facilità, senza intoppi, con un buon ritmo, la giusta dose di sensualità e di sesso, ma anche di colpi di scena.
La storia non è banale, perché la Lohan mette insieme due estremi: la purezza e il peccato e su questa contrapposizione gioca per gran parte del libro. Attenzione, però, perché non si limita a questo, infatti inserisce sul percorso anche altri elementi di rilievo e inaspettati.
La voce narrante è quella della novizia Rose, una voce che all'inizio appare quasi flebile al lettore, ovattata da tanti obblighi e auto imposizioni. Se Rose fosse rimasta così fino alla fine del libro, non mi sarebbe piaciuta. Invece cambia, tira fuori le unghie, diventa una protagonista forte, matura e con le idee chiare. E mentre lei ribalta se stessa in questo percorso di presa di coscienza, Kagan si indebolisce e scopre le sue fragilità, tanto che non vedo l'ora di leggere il suo pov per comprendere meglio i suoi pensieri.
"Lui vuole me" è un romanzo erotico, quindi non possiamo non analizzare la componente sessuale. Signore e signori il sesso tra i due è verosimile, certo romanzato, ma piuttosto probabile. E fatemi anche aggiungere finalmente, perché l'autrice indugia - com'è giusto che sia - sulle scene hot, ma non dimentica la componente psicologa, che è fondamentale per una donna.
Altro aspetto che ho apprezzato: il libro è autoconclusivo. Prossimamente dovrebbe uscire la storia raccontata dal punto di vista del nostro bel tenebroso protagonista e, spero anche, che l'autrice voglia farci sapere di più su Jenna e Finn.
Consigliato, buona lettura!

1 commento:

  1. Ciao Virgy, la tua recensione conferma le altre che ho letto, tutte positive. Lo leggerò certamente.
    Baci <3

    RispondiElimina