lunedì 31 luglio 2017

Blog tour Sotto la luce di mille stelle - Intervista all'autrice



Ultima tappa del Blog tour dedicato all'uscita del contemporary romance Sotto la luce di mille stelle scritto da Cinzia La Commare, in questa tappa conosceremo meglio l'autrice con un'intervista... ma prima la scheda del libro.

Sotto la luce di mille stelle
di Cinzia La Commare
Self Publishing

Trama
Blair Thomson ha ventotto anni, un’infanzia tormentata, una carriera come modella alle spalle e un’imminente matrimonio ad attenderla al ritorno dalle vacanze in Grecia. Vacanze che avrebbe dovuto fare con il suo fidanzato David Davies, stilista di fama mondiale, se non fosse che lui all’ultimo minuto viene trattenuto a Londra per lavoro.
Così Blair si ritroverà svogliatamente a passare due settimane da sola a Zante, fino a quando non incontra Christophe, che in poco tempo diventerà l’unica persona sull’isola su cui lei senta di poter fare affidamento.
Lui è seducente, sfacciato e del tutto intenzionato a tentarla con le sue spiccate doti da seduttore. Tra escursioni in barca, feste in piazza e notti passate sulla spiaggia, Christophe, approfittando dell’assenza di David, non perderà occasione per cercare di conquistare Blair che dal canto suo però non ha poche remore.
I Davies l’hanno salvata da una vita disagiata quando era solo una ragazzina, hanno fatto di lei una modella acclamata e Blair nutre per quella famiglia una forte gratitudine. Ma è per questo che ha deciso di sposare David? Solo per riconoscenza?
Non se lo era mai chiesto fino a prima che Christophe, in sole due settimane, arrivasse a minare ogni sua certezza.
Può un uomo conosciuto in pochi giorni deviare l’intero corso del destino di Blair, che lei ha sempre creduto già programmato nei minimi dettagli?



Quando nasce la Cinzia scrittrice?
In realtà mi è sempre piaciuto scrivere, che fosse una pagina di diario o una storia di fantasia simile a un romanzo. Il primo "romanzo" l'ho scritto a circa 14 anni, ma è andato perso prima che qualcuno, oltre mia sorella, abbia potuto leggerlo. Era comunque una storia struggente, quelle in cui mi trovo più a mio agio. Sia come lettrice che come scrittrice adoro gli amori tormentati. 

Sei un'autrice molto prolifica, ci racconti come si svolge la tua giornata lavorativa?
La mia giornata lavorativa è un vero caos e nessuna somiglia all'altra. Io sono anche la redattrice di un sito internet, Tratto Rosa, che tratta diverse tematiche. Sono a capo di un team di oltre dodici persone e gestire tutto non è semplice, si lavora molto. Dall'alba al tramonto e anche oltre. Tuttavia ho una dura legge: nel pomeriggio io scrivo le mie storie. Posso anche passare l'intera mattinata a correre come una biglia impazzita da una parte all'altra, fare tre o quattro cose alla volta. Ma dalle due del pomeriggio non ci sono per nessuno, così ogni giorno. O almeno, è così quando ho una storia in stesura. Il punto è che quando l'ispirazione arriva portandosi dietro personaggi e storie, io non riesco a pensare ad altro. Tante volte mi ritrovo a mollare qualsiasi cosa stia facendo per mettermi a scrivere una nota sul cellulare, appunti su foglietti di carta. A volte anche in piena notte! Trovo pace solo quando ho portato quel romanzo a termine. 

Nei tuoi romanzi ami inserire personaggi dai caratteri indimenticabili e ben definiti, in Sotto la luce di mille stelle chi incontreranno i lettori?
Premetto che "Sotto la luce di mille stelle" è un romanzo che ho scritto due anni fa, e l'ho tenuto per me fino ad adesso. Chris e Blair, questi i nomi dei protagonisti, in realtà si discostano un po' dai miei personaggi dei romanzi precedenti. Loro sono molto più istintivi, maggiormente Chris a dire il vero. Blair, a ogni modo, è una donna meno complicata rispetto alle altre protagoniste, ma anch'essa segnata da un passato difficile. Sono passionali e coraggiosi... il perché li definisca coraggiosi lo capirete dopo aver letto il romanzo. Non voglio togliervi il piacere della lettura.

Un'altra caratteristica dei tuoi libri è quella di essere sempre ambientati in luoghi differenti, come ti prepari per descriverli in maniera credibile? Parli di posti dove sei stata?
Alcune volte ho parlato di posti dove sono stata, luoghi che sono nel mio cuore e che sono la mia fonte di ispirazione. Mi riferisco al Trentino, precisamente a Peio, paese di cui ho molto parlato nella mia trilogia "Ad un bivio tra me e te" e, maggiormente, in "Quel primo Natale tra me e te". Da quei monti sono nate le prime bozze di quasi tutti i miei libri, anche di quelli che non sono ambientati in Trentino. Invece non sono mai stata a New York, ma ho ambientato nella Grande Mela ben due romanzi: "Tutta colpa dei Soci@l" e "Ti presento il tuo EX". Come mi sono documentata? Passando ore, giorni, settimane su qualunque sito internet cercando qualsiasi tipo di informazione, anche la più assurda. Ho persino calcolato la tratta in taxi dal Queens a Manhattan tramite un sito che ti da l'esatto costo per data, ora e percorso più o meno breve. Per "Sotto la luce di mille stelle", che è ambientato in Grecia, invece, ho scelto Zante perché mi aveva affascinata da ragazzina quando a scuola ho studiato Foscolo. La mia professoressa di Italiano aveva una vera passione per questo poeta, e di conseguenza abbiamo parlando per mesi anche di Zante. Tuttavia non sono mai stata in Grecia e, anche in questo caso, ho passato settimane sul web compreso google maps. Ho guardato video tutorial per Sirtaki - si balla davvero in tantissimi modi differenti - e ho imparato molte parole greche che troverete sul libro. Per quanto riguarda "I colori di Juliet", invece, i luoghi nascono dalla mia fantasia. Wood's Bridge non esiste nella realtà, ma vi posso assicurare che nella mia testa è assolutamente vivido persino nei dettagli. A ogni modo ho immaginato che questa cittadina si trovasse in America, sull'Oceano. 

Cosa ci dobbiamo aspettare da questo nuovo romanzo? 
Questo nuovo romanzo è fresco, sensuale, appassionato... perfetto per passare qualche ora a sognare sotto all'ombrellone. O nelle notti d'estate quando la calura è passata e si sentono solo i grilli nel buio. E perché no, magari potreste immaginare di essere in Grecia con Blair e Chris, a ballare su qualche spiaggia illuminata dai falò. Non mi sbilancio molto, perché non vorrei mai cadere nello spoiler. Nemmeno il più minuscolo accenno! 

Il tuo personaggio preferito dei libri che hai scritto sino a oggi.
Ecco, lo so che molti direbbero: "Adoro i miei personaggi tutti allo stesso modo". Io, invece, con la massima onestà posso dirvi che la coppia Juliet/Austin di "I colori di Juliet" ha un posto speciale nel mio cuore. L'avrà per sempre. Ho pubblicato questo romanzo quasi un anno fa, ma parlarne mi emoziona ancora tantissimo. E' una sensazione che non so descrivere, un legame forte quasi si trattasse di due persone che ho realmente conosciuto. Io vivo con emozione e forte attaccamento tutti i miei romanzi, ma "I colori di Juliet" ha qualcosa di speciale. Qualcosa che mi fa battere il cuore in modo diverso... mi da i brividi. 

A tal proposito, ci fai un recap?
Il recap in pratica l'ho già fatto :P Dunque, la mia prima pubblicazione risale a due anni fa e si tratta della duologia "Ad un bivio tra me e te", con protagonisti l'italiana Carlotta appassionata di cucina e il tormentato bel francese Antoine. Al primo volume sono seguiti in ordine: "Te prima di me" e "Fermo a te... e me". Poi, lo scorso Natale ho pubblicato lo spin off che approfondisce la storia di Peter, personaggio secondario della trilogia, "Quel primo Natale tra me e te".
Dopodiché ho scritto "Sotto la luce di mille stelle", ma non l'ho pubblicato per due anni, infatti sarà online il primo agosto di quest'anno. Ho pubblicato a maggio del 2016, invece, "Ti presento il tuo Ex"; il mio primo chick-lit. Ambientato a New York è narrato in terza persona e parla delle vicende di Thea, stacanovista giornalista che pensa di poter tenere a bada i sentimenti che, puntualmente, sfuggono al suo controllo.
A settembre 2016 è stato pubblicato "I colori di Juliet", la storia di una pittrice che si ritrova a cominciare da zero e, per farlo, torna a vivere nella casa sulla spiaggia che un tempo era stata della sua famiglia. Ricominciare dal passato... un modo inusuale per voltare pagina. E lì, oltre alla casa da risistemare, trova Austin, il ragazzo che quindici anni prima era stato il suo primo amore. Tuttavia in quindici anni possono cambiare e accadere molte cose...
Quest'inverno ho pubblicato "Il buio ha il suo odore" e il secondo volume "Il buio ha il suo respiro". Nel primo volume è Alisa a narrare la sua storia, e non è affatto una storia semplice. Questo romanzo tocca temi importanti, difficili e delicati. Il secondo volume è narrato da Andrea, il rovescio della medaglia.
La mia ultima pubblicazione è il Chick-lit "Tutta colpa dei Soci@l". Un romanzo irriverente con protagonisti fuori dagli schemi. Un punto di riflessione sul mondo virtuale che ci circonda divenendo, a volte, opprimente. Lo definisco un romanzo corale, perché oltre ai due protagonisti a fare la storia di questo libro sono anche i loro amici. E vi dirò di più, ci sono tanti fatti realmente accaduti, seppure romanzati, in questo libro!
E adesso è la volta di "Sotto la luce di mille stelle" che sarà online, come vi dicevo, dal primo agosto 2017. 

Sogni nel cassetto?
Sogni nel cassetto fondamentalmente due e mezzo. Preferisco comunque non rivelarli perché voglio essere scaramantica. 

Lavori nel cassetto?
Il lavoro che svolgo adesso è quello che ho sempre sognato, perché mi piace... è la mia passione e mi reputo molto fortunata per questo. Anche se a volte arrivo a sera che a stento ricordo come mi chiamo. Spero di continuare con la scrittura, di arrivare a sempre più lettori e che le mie storie possano emozionarli. In fondo è per questo che pubblichiamo le nostre storie, no? Vogliamo che i nostri sogni scritti nero su bianco diventino anche il sogno di chi ci legge. Un sogno in poltrona ad occhi aperti! 

Ti saluto con una domanda che faccio spesso: la tua citazione preferita tratta da Sottola luce di mille stelle.
In realtà ce ne sarebbero più di una, ma voglio citare quella che poi ho inserito come apertura del romanzo: "Trova due occhi che quando ti guardano ti mostrano la te più felice di sempre, e non distogliere mai lo sguardo".

Grazie a Cinzia per aver fatto quattro chiacchiere con me e i miei lettori, vi lascio al calendario delle tappe se voleste approfondire e appuntamento a domani per il review party.


Nessun commento:

Posta un commento