sabato 27 dicembre 2014

L'amore liquido


"L'amore liquido"
di Giusy di Dio
Delos Digital

Trama

Andrea è appena stato lasciato dalla moglie. Una professione – quella di pittore – che non permette di sperare in un futuro più prospero, il recente fallimento del proprio matrimonio e il senso di colpa che lo opprime: sono queste le ragioni che lo inducono a trascinarsi per casa in lunghe giornate inutili, colme di dolore e frustrazione. La notizia dell'improvvisa gravidanza della moglie, sua musa e ragione di vita, che non ci ha messo molto a trovarsi un nuovo compagno, apre una ferita troppo larga da rimarginare. Fino a quando nella sua vita si insinua Lola, una donna ripugnante nell'aspetto e nei modi che, per una strana alchimia, lo attrae in maniera incontrollabile. Dopo un primo tentativo di resistenza, Andrea cede alla sua voglia di Lola, la accoglie nella propria casa e in se stesso. Con il solo intento di cancellare l'amore per la moglie, viene avviluppato in una relazione caratterizzata da passione, dipendenza psicologica e incomprensioni. Una relazione che rischierà di portargli via ciò che di più caro un uomo possa avere. 


***

 Giusy di Dio con "L'amore liquido" è riuscita a scandagliare il cuore di uomo lasciato e lo ha fatto con tanta abilità che spesso il romanzo lascia letteralmente senza fiato. 
Bel libro e brava l'autrice,  che ha scritto 76 pagine perfette, dolorose, appassionate. 
Il lettore conosce Andrea, artista, lasciato dopo dieci anni dalla moglie che ora aspetta un figlio. È lui il protagonista, è suo il dolore che fuoriesce acuto dalle pagine.
"L'amore liquido" è un libro che fa riflettere, che lascia sospesi, che ci invita a scavare nelle macerie di un cuore infranto. E nel dolore più profondo, però, c'è anche tanta bellezza. C'è l'arte che racconta la vita, che la rappresenta, e che ci accompagna attraverso tutta una gamma di emozioni. C'è un sentimento che non si spegne, nonostante la tanta sofferenza. E c'è la redenzione. 
Come a tracciarci una via verso gli abissi, per poi farci risalire in superficie a vedere il sole ancora una volta. 
Un piccolo libro perfetto, che consiglio. Lo trovate solo in versione e-book.

2 commenti:

  1. il racconto è incalzante, ti prende dalle prime pagine con uno stile accurato e brutale allo stesso tempo.
    un evolversi dei fatti strano, oscuro, tetro ma sempre in grado di tener viva la curiosità di arrivare alla fine.
    e poi, l'epilogo che non ti aspetti....

    sicuramente da leggere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alda condivido totalmente con quanto hai scritto! È un romanzo che mi ha colpita molto

      Elimina