giovedì 30 novembre 2017

Blogtour - Recensione: Le fragilità del cuore


Quando si prende in mano un libro di Susan Elizabeth Phillips si sa che ci sarà da ridere, da emozionarsi e da sognare. E anche Le fragilità del cuore trascina il lettore in questo sali-scendi di emozioni. Oggi, giorno di uscita del cartaceo con Leggereditore, vi tengo compagnia con la mia recensione all'interno del blogtour dedicato al libro.

«Annie si comportava come se la vita fosse uno spettacolo di burattini. Non aveva mai dovuto affrontare notti capaci di distruggere l'anima o una disperazione tanto profonda da infettare tutto quello che toccava. Poteva anche negarlo, ma lei credeva nel lieto fine»
Le fragilità del cuore
di Susan Elizabeth Phillips
Leggereditore

Trama
Annie Hewitt è un'attrice con poca fortuna, arrivata a Peregrine Island nel bel mezzo di una violenta tempesta di neve. Avvilita e al verde dopo aver speso tutti i risparmi per esaudire gli ultimi desideri della madre malata, non le rimane altro che una fastidiosa polmonite, due valigie rosse piene di burattini e un vecchio cottage, dove si nasconde una misteriosa eredità che potrebbe risollevare le sue finanze. Ma le giornate a Peregrine saranno tutt'altro che semplici per lei: destreggiandosi tra una vedova solitaria, una bambina muta e degli isolani ficcanaso, Annie scoprirà di essere impreparata ad affrontare la vita su quell'isola così fredda, selvaggia e inospitale. A complicare il tutto, l'inaspettato incontro con Theo Harp, l'uomo che le aveva spezzato il cuore quando entrambi erano solo adolescenti, diventato oggi uno scrittore solitario di romanzi horror. Ma quell'uomo sarà ancora temibile come lei ricorda o sarà una persona nuova? Intrappolati insieme in un'isola innevata al largo della costa del Maine, Annie non potrà più scappare dal passato e dovrà decidere se dare ascolto alla sua testa oppure al suo cuore...


Immaginatevi di essere a un punto morto della vostra vita. Immaginatevi di non avere più speranze: il lavoro non va, i soldi non ci sono, avete appena perso una persona cara e in più vi ritrovate in uno dei luoghi che più detestate al mondo con una persona che vi fa paura.
È la situazione in cui si trova Annie Hewitt la protagonista de Le fragilità del cuore, l'ultimo bellissimo libro di Susan Elizabeth Phillips in uscita oggi in formato cartaceo per Leggereditore.


Anne si ritrova a Peregrine Island durante il gelido inverno, ad accompagnarla i residui di una brutta polmonite, i suoi burattini e la speranza di trovare quello che cerca.
In questa situazione difficile incontrerà l'uomo che non avrebbe più voluto rivedere: Theo Harp.
Anne e Theo sono due personaggi agli antipodi: allegra lei quanto cupo lui, mossa dalla speranza una, impaurito dalla vita l'altro.
Se Anne si porta dietro tanti fallimenti, Theo trascina un bagaglio insopportabilmente pesante.
E gli incontri scontri tra i due non saranno pochi. Ma in quello verrà fuori la penna irriverente e ironica della Phillips che riesce a dare una connotazione positiva anche ai momenti più bui che vivono i suoi personaggi. Lascia sempre il lumicino della speranza acceso.
È questo che mi piace tanto di questa autrice: la capacità di vedere il lato positivo delle cose, di farci sperare che la fortuna (grazie a tanta tenacia) bussi prima o poi alla nostra porta anche quando tutto intorno a noi ci fa presagire il contrario.


Cosa mi ha lasciato Le fragilità del cuore? Devo dire tantissimo. Mi ha insegnato che prima di essere certi di una cosa si debba sempre verificare, che l'altruismo e l'egoismo si nascondo dove meno ci si aspetta di trovarli, che per parlare con i bambini bisogna mettersi "alla loro altezza".
Mi soffermo un attimo su questo punto perché credo che l'insegnamento dei burattini di Annie sia stato il più importante. Parlare con i bambini significa essere sulla loro stessa lunghezza d'onda, capirli e accettarli per quello che sono, quindi evviva il "segreto libero" (momento in cui condividere segreti che fanno arrabbiare senza arrabbiarsi) o parlare giocando.
Quando un libro ti lascia tanto bisogna fermarsi, incamerare le conoscenze acquisite e farne tesoro.
Le fragilità del cuore è un libro che consiglio a chi ha bisogno di un po' di speranza.
Buona lettura

Non perdetevi le altre tappe di questo blogtour:




27/11 Focus-on - l'autrice e i suoi libri imperdibili → Il Colore dei Libri
28/11 Citazioni & Teaser → Leggereromanticamente
29/11 Approfondimento personaggi → Le lettrici impertinenti
30/11 Recensione → Le recensioni della libraia
01/12 Playlist & Test → Il Salotto del Gatto Libraio

Nessun commento:

Lasciami la tua opinione