mercoledì 29 marzo 2017

Libri & Cucina con Francesca: diversità

Questa settimana vi offro una mia personale rivisitazione della parmigiana di melanzane, cotta nel microonde in 8 minuti. Una versione a modo mio, come a modo loro vivono in maniera diversa la stessa storia i giovani protagonisti del libro abbinato, Ma le stelle quante sono di Giulia Carcasi. Un libro a due facce (letteralmente) per un solo amore, che vi riporterà ai tempi dell'adolescenza pre-smartphone e social.
Buona lettura e buon appetito!


Ma le stelle quante sono
di Giulia Carcasi
Feltrinelli

Trama
“Sarebbe bello se la vita fosse come le crêpes, che puoi farcire come ti pare”
C’è una generazione fatta di sms, gavettoni, crêpes alla nutella, professori frustrati; c’è la voglia di essere ascoltati e di giudicare la vita, gli adulti, l’ingiustizia. Ci sono Carlo e Alice: stessa classe e, a volte, stesso banco. Lui è meravigliosamente imbranato, senza modelli da incarnare, senza maschere. Lei si sente diversa, non omologata, è uno spirito critico e, al contempo, una sognatrice. Il loro cuore è ancora poco addestrato, bravissimo a sbagliare. E così Alice casca tra le braccia di Giorgio, nascosto e intrigante. Carlo si lascia sedurre da Ludovica, la classica ragazza facile che sa il fatto suo. Diciotto anni. Due ragazzi si affacciano su un mondo adulto che capiscono poco, tanto più se la scuola, la famiglia e gli amici si mettono di mezzo… Ma le stelle quante sono è un romanzo senza peli sulla lingua, schietto, diretto, una freccia che va dritta al bersaglio. Una partita di ping-pong sentimentale. Con una bella ventata di romanticismo. Un libro a due facce. A due sessi. A due voci. Per un amore solo.


MELANZANE A MODO MIO

Ingredienti
2 grosse melanzane
1 mozzarella
1/2 scamorza affumicata
4 cucchiai di parmigiano (grattuggiato per chi non usa il Bimby)
6 fette di prosciutto cotto
1 spicchio di aglio
30 grammi di olio evo
500 grammi di salsa di pomodoro
Origano qb
Sale grosso qb
Sale fino qb
Pepe nero qb


Con il Bimby:
Lavare e tagliare le melanzane a rondelle di circa 4/5 mm di spessore. Disporre le fette in uno scolapasta con del sale grosso, coprire con un peso e lasciarle riposare per circa mezz'ora per far perdere loro l'acqua.
Nel boccale inserire il parmigiano a pezzi e tritare 20 secondi portando gradualmente la velocità a 10. Mettere da parte. Senza sciacquare il boccale inserire la mozzarella e la scamorza e dare due/tre colpi di turbo. Mettere da parte. Sciacquare il boccale e inserire lo spicchio d'aglio e l'olio; fare rosolare 3 minuti a 100 gradi e velocità spatola. Aggiungere la salsa di pomodoro e il sale fino, cuocere per 20 minuti a 100 gradi e velocità spatola con il cestello al posto del misurino per evitare schizzi.

Senza il Bimby:
Lavare e tagliare le melanzane a rondelle di circa 4/5 mm di spessore. Disporre le fette in uno scolapasta con del sale grosso, coprire con un peso e lasciarle riposare per circa mezz'ora per far perdere loro l'acqua.
Tritare con il coltello la mozzarella e la scamorza. Mettere da parte. In una pentola capiente rosolare lo spicchio d'aglio con l'olio qualche minuto, quindi aggiungere la salsa di pomodoro e il sale fino e cuocere per 20 minuti circa a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto.

Per entrambi:
Quando le melanzane avranno perso l'acqua, scaldare la piastra sul fuoco e grigliare le melanzane.
In una pirofila adatta al microonde disporre gli ingredienti alternando tra salsa di pomodoro, trito di mozzarella e scamorza, prosciutto cotto e melanzane cosparse di origano e pepe. Sull'ultimo strato spargere abbondante parmigiano. Coprire con della pellicola per microonde, bucherellarla con un coltello e infornare nel microonde. Cuocere 8 minuti a massima potenza. Lasciar riposare prima di servire.

3 commenti:

  1. Sono anni che mi capita questo titolo sotto al naso ma non l'ho mai letto.
    Beh...la parmigiana di melanzane è sempre top! Baci!

    RispondiElimina
  2. Si legge in un giorno, prova...anche le melanzane! Ciao!

    RispondiElimina
  3. Io adoro le melanzane e credo che siano squisite fatte così!

    RispondiElimina