mercoledì 27 aprile 2016

Gli occhi neri di Susan

Gli occhi neri di Susan
di Julia Heaberlin
Newton Compton

Trama
Tessa Cartwright, sedici anni, viene ritrovata in un campo del Texas, sepolta da un mucchio di ossa, priva di memoria. La ragazza è sopravvissuta per miracolo a uno spietato serial killer che ha ucciso tutte le altre sue giovani vittime per poi lasciarle in una fossa comune su cui crescono delle margherite gialle. Grazie alla testimonianza di Tessa, però, il presunto colpevole finisce nel braccio della morte. A quasi vent’anni di distanza da quella terrificante esperienza, Tessa è diventata un’artista e una mamma single. Una fredda mattina di febbraio nota nel suo giardino, proprio davanti alla finestra della camera da letto, una margherita gialla, che sembra piantata di recente. Sconvolta da ciò che evoca quel fiore, Tessa si chiede come sia possibile che il suo torturatore, ancora in carcere in attesa di essere giustiziato, possa averle lasciato un indizio così esplicito. E se avesse fatto condannare un innocente? L’unico modo per scoprirlo è scavare nei suoi dolorosi ricordi e arrivare finalmente a mettere a fuoco le uniche immagini, nascoste per tanti anni nelle pieghe della memoria, che potranno riportare a galla la verità…
***
Ecco un altro thriller da cinque stelle: "Gli occhi neri di Susan" di Julia Heaberlin (edito da Newton Compton che ringrazio di cuore per la copia cartacea del romanzo) ha tutte le caratteristiche per tenere il lettore ancorato ad una storia dai toni cupi, ma che riesce anche a trasmettere importanti spunti di riflessione.

Tess ha sfiorato la morte, è l'unica sopravvissuta delle "Susan": un gruppo di ragazze vittime di un unico serial killer. Viene ritrovata a 17 anni in una fossa,  insieme al cadavere di una ragazza e un mucchio di ossa in un campo di Black eyes Susan,  fiori gialli con il centro nero. Oggi, più di quindici anni più tardi l'uomo processato per quei crimini è nel braccio della morte, in attesa di un'esecuzione ormai vicina, ma Tess ha dei dubbi sulla sua colpevolezza. Anche perché sembra che il vero colpevole sia ancora in libertà.

Tensione, misteri e colpi di scena scandiscono il romanzo che ha una struttura che ho particolarmente apprezzato: l'autrice alterna bravissimi capitoli ambientati nel presente con quelli dell'epoca in cui avvenne il crimine. Così la Heaberlin ci offre un interessante sguardo d'insieme dandoci la possibilità di assistere alle sedute psicoterapeutiche della giovane Tess, fino a permetterci di leggere stralci del processo. Sia allora che oggi la protagonista appare come una donna profondamente segnata, incapace di fare lei stessa luce su quanto successo, è però decisa a dare giustizia alle "Susan".

Mi è piaciuto che la protagonista non sia una donna convenzionale, ma un'artista e che i personaggi secondari diano ancora più carattere alla storia.

Lo stile è coinvolgente, molto psicologico e risulta difficile staccarsi dalle pagine del libro.

Non vedo l'ora di vedere la trasposizione cinematografica

Buona lettura

2 commenti:

  1. Virgi, sai che sono assolutamente d'accordo con le tue parole!
    Aspetto con ansia il film! <3
    Un bacio!

    RispondiElimina
  2. e io non vedo l'ora di poterlo iniziare! È sul reader che mi attende :)
    Bacio <3

    RispondiElimina