venerdì 15 aprile 2016

Cercami nel vento

"Quando è amore non ti accorgi di come inizia. Non è una botta che arriva in testa, non è qualcosa che fa male. Se ti guardi indietro e non sai dire il momento esatto in cui ti sei innamorato, forse ci sei dentro fino al collo da più tempo di quanto immagini"

Cercami nel vento
di Silvia Montemurro
Sperling & Kupfer

Trama
Camilla vive di note sparse nel vento. Studia al conservatorio e la musica è il suo mondo. Abita in un paesino vicino a Milano, lo stesso dove è nata e che, a differenza delle sue amiche, non è ancora riuscita a lasciare. Chissà, forse un giorno lo farà, per tentare di colmare quell'inquietudine che ogni tanto la prende. Teo, invece, in paese è appena arrivato e ha ancora negli occhi il mare della sua Sardegna. Lo stesso che da piccolo fissava ogni giorno dalla finestra, a casa di sua nonna. Lì, con il naso incollato al vetro, faceva scoperte straordinarie, più istruttive di un libro di scuola. Forse è per quello che, una volta cresciuto, ha preferito rimboccarsi le maniche e mettersi subito a lavorare anziché studiare. Ed è proprio davanti a quella finestra che Teo ha iniziato a osservare le persone e a catalogarle, decidendo che, se mai avesse dovuto infilarsi in una delle sue assurde categorie, c'era solo una cosa che voleva essere: un solitario. Camilla e Teo si incontrano in un giorno qualunque, in un bar qualunque. Ma, in quel momento, qualcosa accade. Perché è sempre una cosa innocua a cambiarci l'esistenza. Terra e mare, luce e ombra: Camilla e Teo sono due opposti che, dopo essersi brevemente respinti, si attraggono. L'amore tra loro è così intenso e unico da illuderli di essere invincibili. Ma la vita li costringerà presto a una prova terribile. Allora potranno vincere o soccombere, potranno farlo insieme o da soli.

***
"C'è una sola ragione per cui sento di essere al mondo, ed è la felicità. Qualsiasi cosa succeda, non voglio più sprecare il tempo a preoccuparmi. Non voglio più avere paura dei miei sentimenti: intendo godere delle mie lacrime, come dei sorrisi che regalerò"

Un romanzo sulla forza dell'amore, sul dolore e sull'importanza di ogni attimo: Cercami nel vento di Silvia Montemurro racconta la storia più vecchia del mondo quella dell'inizio di un sentimento fra due ragazzi che non lo cercano. Camilla e Teo sono diversissimi, ma le loro anime parlano la stessa lingua e sono loro a incontrarsi per prime, prima ancora che loro stessi possano rendersi conto di quello che sta accadendo. 
Sarà una prova difficilissima a far capire ad entrambi l'importanza del loro sentimento come cura per tutte le ferite. La Montemurro ci racconta una storia bellissima con delicatezza, ma con una profondità e un'analisi talmente accurate da far diventare il libro un piccolo capolavoro. E non è solo un inno all'amore, ma anche un inno alla vita e alla potenza di ogni istante.
Anche i luoghi dove si svolgono le vicende sono speciali: la montagna, Milano, Venezia, la Sardegna , perché ognuno di questi posti racconta un pezzo dei protagonisti, della loro storia. Camilla e Teo sono come il giorno e la notte, ad accomunarli c'è l'essere diversi dagli altri, c'è la profondità delle loro anime, il modo in cui osservano gli altri.
Fra i personaggi secondari una menzione speciale è tutta per Marco, un ragazzo speciale incontrato in un momento difficile. Marco che riesce a strappare un sorriso a Camilla, ad aiutarla a lottare a spronarla per andare avanti: "Noi siamo esseri speciali, piccola. Abbiamo ancora la capacità di meravigliarci. Quelli laggiù, che corrono al lavoro, che si stressano per arrivare in tempo a un colloquio, che non trovano mezz'ora per sé, quelli che non sanno cosa vuol dire alzare gli occhi al cielo e vedere ancora il sole. Specchiarsi in un volto e ritrovare se stessi… Porta per sempre con te questa meraviglia".
La scrittura è profonda, molto analitica e ricercata. Ma è anche profondamente emozionate e lo stile usato dall'autrice contribuisce a creare profonda empatia verso Teo e Camilla.
Un libro che va letto, sottolineato, assimilato, perché questa meraviglia nel guardare il mondo, questo assaporare ogni attimo come un dono speciale, sorprenda anche noi.
La mia copia del libro è arrivata grazie alla mia amica e blogger Elisa (QUI il suo blog) con una bellissima dedica dell'autrice.
Buona lettura

2 commenti:

  1. Wow...occhi a cuoricino! Questo va dritto in wishlist!

    RispondiElimina
  2. Ho appena finito di leggere la lettera di Marco...:'(

    RispondiElimina