lunedì 25 gennaio 2016

Oltre i segreti

"Tutto quello che vedo sei tu. Perché non riesci a capirlo? Ai miei occhi brilli solo tu e brilli di uno splendore accecante. Per me non c'è sole, né luna, né stelle, ma solo chilometri e chilometri di nuvole grigie accecanti come i tuoi occhi"

Oltre i segreti - The Tattoo Series #4
Jay Crownover
Newton Compton

Trama
Saint Ford ha lavorato sodo per realizzare il suo sogno: diventare un’infermiera. Concentrata sul lavoro, dedita ai pazienti, nella sua vita non c’è spazio per l’amore. Non ha bisogno di un ragazzo che arrivi a turbare la sua calma, soprattutto adesso che è serena e ha dimenticato cosa le ha distrutto la vita quando era al liceo. Cupo e introverso, Nash Donovan potrebbe non ricordarsi di lei e del terribile dolore che le causò. Ma fu lui la persona che stravolse il suo mondo… e che sta per farlo di nuovo. Saint non sa che Nash non è più quello di una volta. La scoperta di uno sconvolgente segreto di famiglia lo ha profondamente cambiato, e ora sta lottando per capire cosa fare. Non può lasciarsi distrarre dalla bella infermiera che incontra ovunque. E tuttavia non può ignorare le scintille tra loro, né rinunciare a una ragazza così divertente e dolce, soprattutto ora che sembra l’unica cosa ad avere senso nella sua vita.

***
E Nash entra a pieno titolo nei miei fidanzati di carta ideali!
Posso terminare qui la recensione? Scherzo. Ma questa premessa mi serve per farvi capire quanto la lettura del quarto capitolo de The Tattoo Series mi abbia coinvolta.
"Oltre i segreti" di Jay Crownover si è confermata una lettura molto emozionate, che ha saputo toccarmi emotivamente soprattutto, ovviamente, per quanto riguarda la storia di Nash e per come lui riesca ad affrontare gli ostacoli che la vita gli ha posto davanti. Ho condiviso la lettura con Crisitna Lotus Heart Blog, per cui passate anche da lei a dare un'occhiata alla sua opinione!
Come in ogni libro di genere New Adult ci sono dei cliché (a tal proposito vi dò appuntamento con un post scritto da Cristina  e me che pubblicherò più tardi: sì questo libro ci ha fatto prendere la mano) che troviamo anche in questo, ma più stemperati rispetto ad altre pubblicazioni, aspetto che mi è decisamente piaciuto. Inoltre i problemi e i fantasmi del passato, con cui i due protagonisti devono fare i conti, sono più alla portata di tutti: le delusioni giovanili che bruciano anche in età adulta e segnano il nostro cammino, la malattia, il lutto, i rapporti conflittuali con un genitore… Insomma, pur non apprezzando certe reazioni, perché non avrebbero mai fatto parte del mio comportamento, li ho potuti capire.
Questo rende "Oltre i segreti" il mio libro preferito, al momento, di questa serie. Il fatto che, forse, io lo abbia detto anche degli altri vi fa capire la bravura dell'autrice, che non stanca il lettore ma lo accompagna in un crescendo di emozioni con storie diverse. Un aspetto che ho potuto apprezzare con non molte altre scrittrici di serie: la Armentrout, ad esempio, non mi ha mai delusa.
Su Nash che vi posso dire? Non solo è bello, affascinate, ma è anche un buono, uno che da sempre sta attento a come si pone con gli altri, è un ragazzo che a volte dovrebbe credere di più in se stesso e nelle sue capacità e che sa voler bene.
Saint, invece, incarna un po' gli stereotipi di cui vi parlerò nel prossimo post, per cui non è riuscita a entrare completamente nel mio cuore. Resta comunque una ragazza fortunata…
Lo stile è ritmato, i punti di vista di entrambi ci aiutano a immedesimarci meglio nella storia e non mancano gli spunti di riflessione.
Aspetto già il prossimo capitolo, dove sono certa che la nuova protagonista ci regalerà scintille.
Buona lettura

6 commenti:

  1. Come sempre bellissima recensione! <3
    Diciamo insieme "Bye bye Rule", il primo posto è tutto di Nash! *_*

    RispondiElimina
  2. Io comunque devo trovare il modo di leggerla questa serie,pensare che l'avevo in lingua e non sono riuscita! <3

    RispondiElimina
  3. Viva i Marked Men! Nessuno escluso! Cuoricini e unicorni a profusione per Nash, che per me sarà sempre il gran pezzo di figliolo della copertina americana hihihi

    RispondiElimina