martedì 19 gennaio 2016

Dimmi come mai

"Era la confidente di Dalila, l'amica che rispondeva ai suoi quotidiani "dimmi come mai" sulla sua vita, sulle sue scelte sbagliate, sul suo modo di nascondersi dietro una finta sicurezza e illusoria serenità, per paura di mostrarsi fragile"

Dimmi come mai
di Alessandra Alioto e Rosalba Repaci
Cicorivolta edizioni

Trama
Oltre i confini della vita e della morte. Laddove tutto è parte di tutto e niente finisce per sempre. Una storia di amicizia e solidarietà ambientata ai giorni nostri e pure senza tempo.

***
"Dimmi come mai" è un libro che parla di amicizia, di quella vera e sincera che ti accompagna per tutta una vita. Un'amicizia leale, che va oltre le relazioni, la famiglia, gli impegni. Un oggetto raro e prezioso, ma che durante la lettura non ho fatto fatica a credere che fosse reale. C'è tantissima vita in questo breve romanzo scritto a quattro mani da Alessandra Alioto e Rosalba Repaci: ci sono i fallimenti, le gioie, le abitudini, l'amore incondizionato per i figli e quello più difficile delle relazioni. E il lettore entra dentro questo turbine di emozioni fino ad arrivare al culmine finale.
Le due protagoniste sono entrambe donne in cui potremmo riconoscerci: fedeli una all'altra e disposte a lottare per l'amicizia, più forti dei loro stessi timori, piene di difetti ma anche di una grandissima bellezza interiore. Le conosciamo entrambe attraverso il loro stesso punto di vista: Andrea voce della ragione, una roccia, forse anche per il suo lavoro di psicologa con i minori. Dalila dall'aspetto perfetto, ma internamente più soggetta ai terremoti della vita. Ho adorato anche i personaggi di contorno, così vivi e veri che sembravano voler uscire dalle pagine.
L'ambientazione è quella in una magnifica Liguria, quella che si affaccia sul Golfo Paradiso, con la via Aurelia che scorre a picco sul mare.
Scrittura ritmata, ma che non manca di sottolineare la profondità dell'animo e una costante ricerca interiore, fino a un finale da brividi. Da sottolineare che le autrici hanno scritto il romanzo a quattro mani, aspetto che potrebbe rendere meno fluida la lettura. In realtà il libro scorre veloce e non ci si rende neppure conto che sono due le teste (e i cuori) dietro a questa bellissima storia.
Assolutamente consigliato.
Buona lettura.

1 commento:

  1. Libro scorrevole, simpatico veloce ma riflessivo.Il"carpe diem"e'sempre in agguato

    RispondiElimina