martedì 17 marzo 2015

Ascolta il tuo cuore

"Seduta a quel tavolo, guardando mia sorella, mi chiedevo cosa fosse più difficile, alla fine. Il fatto di dire qualcosa, o a chi si diceva. O se, una volta detta, solo la storia contasse".



Ascolta il tuo cuore 
di Sarah Dessen
Newton Compton

Trama
Nel giro di un anno la vita di Annabel è completamente cambiata: da quando è stata scoperta a una festa con il fidanzato di Sophie, la sua migliore amica, tutti la evitano. L'anno scolastico inizia per lei nel peggiore dei modi. E la situazione a casa non contribuisce affatto ad aiutarla, infatti la sua famiglia un tempo solida, sembra essere adesso, priva di equilibrio e instabile. Che cosa è successo tra le sue due sorelle maggiori? Perché tra di loro c'è un palpabile risentimento e dei silenzi glaciali? E perché nessuno ha il coraggio di parlare dell'anoressia di Witney o della depressione della madre? Annabel trova conforto in una strana amicizia con il ragazzo più solitario della scuola, Owen. Anche lui è arrabbiato col mondo, ma ha imparato a controllare i suoi sentimenti e cerca di insegnare a Annabel a fare lo stesso. Forse, con il suo aiuto, troverà il coraggio di affrontare quello che le è successo un anno prima, alla festa. Quando nella sua vita tutto è improvvisamente crollato


***
Ci sono mille ragioni per cui questo libro mi è piaciuto tantissimo. Spero di riuscire ad elencarvele tutte, ma soprattutto a trasmettervi quelle piccole sfumature che lo hanno reso una lettura speciale. Tanto che se usassi un sistema di rating questo si meriterebbe cinque stelline e la lode.
Al primo posto c'è sicuramente la musica. Questo libro ha una colonna sonora a volte stramba, sicuramente non "da primo ascolto", decisamente interessante. Premetto che io adoro la musica, la sensazione che ci lasciano alcune canzoni, quelle che ci aprono squarci di emozioni nel petto tanto da farci annaspare… di gioia o tristezza non importa. Ecco la musica in "Ascolta il tuo cuore" è la regina indiscussa, perché c'è sempre anche nel silenzio, attutita dalle spatole di un autolavaggio o sparata fino a perforare i timpani. 
La scrittura, perché Sarah Dessen con la penna ci sa proprio fare. Avrei sottolineato tutto, tanto per farvi rendere conto.
Vi scrivo questo estratto per due ragioni, la prima è che devo assolutamente andare in un autolavaggio (è lì che si svolge questa scena), chiudermi in auto e ascoltare la musica; la seconda è che a me quella sensazione di cui parla (il presente che diventa un momento unico) mi è sembrata molto familiare, come tante di quelle descritte nel libro.
"Ma a poco a poco si è calmato, quando la traccia successiva del cd è cominciata con un tenue mormorio seguito da un pizzicare di corde. C'era anche un ronzio di fondo, ma con l'acqua che colava intorno a noi e l'interno della macchina che sembrava più piccolo, poi sempre più piccolo, questo sembrava dissiparsi, scomparire alle nostre spalle. Sentivo il ronzio delle spazzole che si avvicinavano, mescolato con la melodia triste di un violino. Potevo già percepirlo, quel rallentare del tempo, il cristallizzarsi del presente in un momento unico, qui, adesso".
Poi c'è Owen. Non è un belloccio (evviva), non è popolare (urrà) e non ha nemmeno chissà quali scheletri nell'armadio (stupefacente).
Owen ha seguito un programma per la gestione della rabbia a causa di una rissa, il che lo rende decisamente introspettivo. È sincero, sempre. Ed è un fratello gentile. 
In più è fissato con la musica e questo nella mia personale scala di giudizio fa salire direttamente di 100 punti.
Annabel, invece, è bellissima ma di quella bellezza che non è ostentata. Fa la modella, ma non si atteggia a tale. Sarà forse che la conosciamo in un momento decisamente buio, ma a me è piaciuta, l'ho trovata reale. Così come le sue sorelle. 
"Ascolta il tuo cuore" è un libro pieno di poesia, al di là dei problemi che i personaggi dovranno affrontare e di quello che gli accade o gli è accaduto, poesia nella ricerca di se stessi, che sia un percorso fatto di silenzi e bugie e musica, oppure con terapeuti e piantine di erbe aromatiche da far crescere, o ancora lontano da casa a imparare l'arte dell'ascolto. 
In tutto questo a far da scenografia a molte delle scene c'è una casa di vetro che sembra mostrare tutto, ma che invece cela molte cose a chi la osserva dall'esterno, un po' come se fosse una metafora di tutti noi.
Strabello (che non esiste, forse, ma rende l'idea)!

9 commenti:

  1. Sono restata affascinata dalla copertina di questo libro e ora che ho letto la tua recensione lo sono ancora di più. *_* Spero di poterlo leggere presto. Baci!

    RispondiElimina
  2. Anche a me la copertina è piaciuta :).
    Se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi, perché vorrei capire se fa lo stesso effetto anche ad altre persone.
    Un bacione

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Lo è! A me è piaciuto veramente tanto :)
      Baci

      Elimina
  4. Ho acquistato questo libro una settimana e mezzo fa e non vedo l'ora di leggerlo!!
    La tua recensione ha rafforzato l'idea positiva che mi ero fatta riguardo questa storia e posso solo che esserne felice!
    Complimenti per la bella recensione, baci <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere la tua recensione per sapere cosa ne pensi! Io l'ho adorato!!!
      Baci anche a te <3

      Elimina
  5. Devo prenderlo assolutamente, dopo questa recensione!
    Bravissima <3

    RispondiElimina
  6. Eh ora, con il 25 % sui romanzi Newton, vuoi che non compra questo libro, con tanto di meravigliosa recensione?😂
    Bacionissimi 😘

    RispondiElimina