mercoledì 1 ottobre 2014

L'estate dei segreti perduti

"Posso prenderti la mano?" mi chiese. Feci scivolare la mia mano nella sua. "In questo momento l'universo mi sembra talmente immenso che ho bisogno di qualcosa a cui aggrapparmi"


L'estate dei segreti perduti
di E. Lockhart
De Agostini

Trama
Da sempre la famiglia Sinclair si riunisce per le vacanze estive a Beechwood, una piccola isola privata al largo delle coste del Massachussets. I Sinclair sono belli, ricchi, potenti, spensierati. E Cady Sinclair, l’erede dell’isola, del patrimonio e di tutte le speranze, non fa eccezione. Ma l’estate in cui la ragazzina compie quindici anni le cose cambiano. Cady si innamora del ragazzo sbagliato, l’unico che la sua famiglia non potrebbe mai accettare, e ha un incidente. Un incidente di cui crede di sapere tutto, ma di cui in realtà non sa niente. Finché, due anni dopo, torna sull’isola e scopre che nulla è come sembra nella bellissima famiglia Sinclair. E che, a volte, ci sono segreti che sarebbe meglio non rivelare mai. Da una delle autrici young adult più acclamate dalla stampa americana, già finalista al National Book Award, un romanzo in cui amore e suspense si mescolano alla perfezione. Una storia che non vi lascerà più.

***
Un'isola, una famiglia all'apparenza perfetta, e dei ricordi che non ne vogliono sapere di tornare.
Sono quelli dell'estate numero 15, che Cady Sinclair, la protagonista del libro, ha dimenticato dopo aver battuto la testa durante una nuotata. Ma le domande si affollano nella mente della protagonista, mentre cerca di capire come mai le tessere del puzzle non combaciano alla perfezione.  Cosa c'è che non ricorda? Perché la testa fa tanto male? Come mai tutti sembrano nasconderle qualcosa?
Questo è un libro da suggerire, ma da non svelare, perché ogni dettaglio è preziosissimo se si vuole godere al 100 per 100 della suspance. Quello che vi posso garantire è che non vi deluderà, forse ci rimarrete male, magari vi sfuggirà qualche lacrima (è successo anche a me), probabilmente a un certo punto vorrete che la vostra intuizione non sia esatta. Ma nonostante tutto questo, anzi proprio per tutto questo vi piacerà. E a quel punto vorrete prendere i "Bugiardi" e abbracciarli uno a uno.
Il libro mi ha un po' ricordato la trilogia di Mara Dyer (di cui aspetto con ansia l'ultimo volume), perché l'autrice anche in questo caso mette alla prova il lettore, così come la protagonista, in un continuo salto fra presente e passato, fra quello che accade e quello che sembra e con ricordi che affiorano lentamente

Godetevi la lettura.

Nessun commento:

Lasciami la tua opinione