lunedì 20 maggio 2019

Recensione: Di tutte le virtù di Virginia Dellamore


Che si firmi come Amabile Giusti o Virginia Dellamore una cosa è certa: questa autrice sa come emozionare. Oggi vi parlo di Di tutte le virtù la nuova romantica storia pubblicata dalla casa editrice More Stories. 

Di tutte le virtù
Virginia Dellamore
MoreStories
Trama
Prudence Darcy non fa onore al proprio nome: è ribelle, caparbia, impulsiva e desiderosa di vivere intensamente. La madre fa di tutto per tenere a freno le sue stravaganze e ha imposto a lei e alla figlia maggiore, la dolce e bellissima Hope, di conquistare due facoltosi partiti e di fare due matrimoni eccellenti. Ma Prudence è anticonformista anche in questo: ben lontana dal temere la povertà e il disprezzo sociale, non desidera sposarsi per interesse e, anzi, non desidera sposarsi proprio. Il matrimonio, ne è certa, la priverebbe della libertà di cui ha bisogno più della stessa aria.È con spirito spericolato, dunque, che Prudence si appresta ad affrontare la sua prima Stagione a Londra. Vuole divertirsi il più possibile, vedere luoghi nuovi e conoscere gente interessante, prima di tornare alla quiete del suo piccolo villaggio nel Derbyshire. Durante una festa in maschera ai Vauxhall Gardens, la sua fame di avventura pare trovare pane per i propri denti. Lì, infatti, incontra un uomo affascinante che la incuriosisce molto. Subito avverte una profonda affinità fra di loro: entrambi giovani, entrambi squattrinati, entrambi bisognosi di evadere da una vita di regole e rinunce. Se Prudence credesse al colpo di fulmine e non fosse scettica riguardo all’amore in generale, penserebbe quasi di aver perso la testa per il misterioso sconosciuto dagli occhi blu di cui conosce il nome, Lawrence, e poco altro. Ma Lawrence non è chi le ha detto di essere. Non si chiama neppure Lawrence, e non intende rivelare a nessuno la sua vera identità: quella di Lord Terence Auckland, un duca tutt’altro che povero, con molti ragionevoli motivi per voler mantenere l’anonimato.Sullo sfondo di una Londra Regency allegra e gaudente, durante una primavera contraddistinta da imprevisti ora divertenti ora pericolosi, la storia di un legame inaspettato e inaspettatamente forte fra due anime più simili di quanto avrebbero mai immaginato.Potrà, però, un’amicizia nata da una bugia trasformarsi in amore?















Una delle penne più brillanti dell'olimpo narrativo italiano è senza dubbio la sua. Sto parlando di Amabile Giusti, infatti sono proprio sue la mente e il cuore che si nascondono dietro Virginia Dellamore.
Vi ho già parlato in passato di questa autrice e anche del suo alter ego, che ci propone romanzi ambientati nel periodo Regency.
Balli, nobili in odore di matrimonio, debutti in società e matrimoni combinati sono alla alcuni degli ingredienti che compongono queste storie, perfette per le più romantiche ma anche per coloro che amano personaggi femminili forti, sulla scia della nostra tanto amata Elizabeth Bennet protagonista di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen.
Personaggi, insomma, con le idee chiare e con la voglia di rompere gli schemi.
Donne che, per chi conosce bene Amabile, presentano spesso tratti comuni e a lei molto cari: indipendenza, intraprendenza, amore per la natura e idee innovative.
Eroine che mi piacciono, che rendono più semplice il processo di immedesimazione da parte del lettore perché moderne e dal temperamento molto attuale.

Dall'altra parte l'ambientazione è davvero magica: siamo all'inizio del XIX secolo, fra balli, intrighi e nobiltà. Vi è chi ha perso tutto il patrimonio e cerca il matrimonio che riesca a salvare la propria famiglia da una situazione di indigenza e chi - invece - cerca di rafforzare la posizione di prestigio.

E le storie non possono che essere brillanti, ricche di intrighi ma anche di momenti di riflessione.
Una parentesi a parte va dedicata al protagonista di Di tutte le virtù: Lord Terence Auckland, tanto affascinante quanto bisognoso di provare nuove esperienze, di mettere da parte tutte le imposizioni e provare a vivere la propria vita secondo le proprie regole.
Questi due personaggi riusciranno a trovare insieme la strada da percorrere?
Lo scoprirete leggendo questo romanzo brillante e molto scorrevole.

A completare il tutto lo stile di Amabile Giusti: perfetto, capace di incantare il lettore e non lasciarlo più.
Perché leggerlo → Perché è la lettura adatta se ci si vuole immergere in atmosfere lontane da noi e affascinanti, perché è la storia giusta se si cercano eroine moderne e senza tempo, perché ogni romanzo di questa autrice è imperdibile.
Buona lettura!


Ma oggi non ci fermiamo qui, infatti vi invito a scoprire di più su questa casa editrice grazie a Francesca.


MORE STORIES è una Casa editrice, un’agenzia letteraria e una web agency creata da un gruppo di donne giovani e piene di idee. Il loro motto? Più libri, più parole, più storie!

In un sabato di fine aprile ho avuto il piacere di conoscere queste ragazze che, a me e ad altre blogger, hanno con passione illustrato l’intento della loro casa editrice. Mettendo al centro di tutto le storie e l’autore, la More Stories si propone di far conoscere al lettore il romanzo rosa in tutte le sue sfumature. Al fianco degli autori e in armonia con le loro idee, la More Stories si occuperà dell’editing, della scelta della perfetta copertina e della giusta promozione del romanzo.

Una casa editrice giovane e piena di donne talentuose che cercano nuovi autori da pubblicare. Se siete interessate e avete un libro nel cassetto, potete contattarle inviando i vostri romanzi alla email: manoscritti@morestorises.it

Il loro primo romanzo pubblicato è “Di tutte le virtù” di Virginia Dellamore alias Amabile Giusti. Tra i loro autori potremmo leggere Antonella Maggio, Lucille Bauman e Andrew Levine.


→ Vi invito a conoscere questa nuova realtà editoriale anche seguendo i loro profili social

Instagram https://www.instagram.com/morestories.it/?hl=it
Facebook https://www.facebook.com/morestories.it/

Non vedo l'ora di poter leggere una nuova storia.

Nessun commento:

Lasciami la tua opinione