giovedì 4 gennaio 2018

Review party: L'ospite inatteso



Un thriller graffiante e angosciante è L'ospite inatteso di Patricia Gibney in uscita oggi per Newton Compton. Per l'occasione review party, non perdete le altre recensioni su Il Salotto del Gatto Libraio, Il Colore dei Libri, Bookspedia, La Stamberga d'inchiostro e L'universo dei Libri. 

L'ospite inatteso
di Patricia Gibney
Newton Compton Editori


Trama
Che cosa collega il ritrovamento del cadavere di una donna assassinata in una cattedrale e quello di un uomo impiccato a un albero del proprio giardino? La detective Lottie Parker è incaricata di trovare una risposta, guidando le indagini come se i due delitti fossero parte di un unico caso. Su entrambi i corpi, infatti, è stato rinvenuto lo stesso tatuaggio, marchiato sulle gambe. Le due vittime hanno qualcos'altro in comune, in effetti: hanno avuto a che fare con il Sant'Angela, un orfanotrofio che Lottie conosce molto bene. Improvvisamente quello strano caso comincia a riguardare personalmente la detective. Ma la scia di sangue non si arresta: due ragazzini scompaiono. Se vuole interrompere la spirale di morte, Lottie Parker dovrà agire in fretta, ma andare più a fondo potrebbe significare mettere in un terribile pericolo i suoi bambini. Quanto sarà disposta a scavare?

L'ospite inatteso di Patricia Gibney è un thriller dalle tinte fortemente dark, complice l'ambientazione, ma anche i personaggi coinvolti. Il mix creato dall'autrice ci fa entrare in un incubo fatto di abusi strazianti, omicidi di cui si deve trovare la connessione e colpi di scena che lasciano senza parole.
La protagonista assoluta del romanzo è l'ispettore Lottie Parker una donna che deve riuscire a trovare un equilibrio fra il lavoro - che la tiene impegnata anche 16 ore al giorno - e la famiglia. Tre figli che sembrano andare alla deriva, sfuggendo dal suo controllo. Lottie è sola, ha perso il marito da tre anni e non riesce a farsene una ragione. È vittima di se stessa, dedita al lavoro e a una vita poco salutare. 


Si entra subito in sintonia con questa donna caparbia, che gestisce una squadra, convinta a voler fare giustizia. Una donna fallibile e umana, con tanti difetti, ma per questo simile a noi.
Si entra in sintonia perché la vedremo scoperchiare un vaso di Pandora gigantesco, scavare nel passato, fare i conti con se stessa e con il dolore.
L'ospite inatteso è un romanzo fatto di colpi di scena che si susseguono lasciando il lettore in preda al desiderio di andare avanti. Ce ne sono tanti, durante tutto l'arco della lettura. Ci saranno depistaggi fatti a regola d'arte e incomprensioni.
Un libro agghiacciante, per i temi che tratta e che lascia addosso una scia pesante di dolore. Perché non sembra così distante dalla realtà.

«Abbiamo dei corpi, una grande quantità di domande, e nemmeno una fottuta risposta», disse Lottie. Si tirò giù il polsino della maglietta, strattonò un filo vagante e lo guardò disfarsi. «Sono un disco rotto, lo so»

L'ambientazione è da brivido: una cittadina, il freddo dell'inverno, chiese, boschi e un vecchio orfanatrofio ormai disabitato. Scenografia che diventa parte integrante del successo della storia.
La scrittura è cruda: l'autrice non lascia nulla al caso e tesse la tela per incastrare il lettore fino all'ultima pagina.
Non vedo l'ora di poter leggere le prossime avventure di questo detective.
Buona lettura!

1 commento:

  1. Questo libro mi ispira molto, è già in wishlist e non vedo l'ora di leggerlo :D

    RispondiElimina