sabato 19 agosto 2017

Recensione: Il Karma dell'amore inaspettato


«"Non serve a niente studiare"..."Non serve a niente? ... Serve a creare quell'abissale differenza tra una persona potenzialmente interessante e una sicuramente noiosa, Juliet.  Sta a te scegliere da che parte stare"»



Il karma dell'amore inaspettato
di Stefania Serafini
Newton Compton

Trama
Londra, giorni nostri. Juliet ha diciassette anni ed è costretta a trasferirsi nella casa del nuovo compagno della madre, dove vive con il figlio, Alexander, un ragazzo bellissimo e dallo sguardo tormentato. Già dal primo incontro la relazione tra Juliet e Alexander è più complicata del previsto: lui è scontroso, arrogante e offensivo. Nei giorni seguenti le cose peggiorano addirittura, dato che frequentano la sua stessa scuola e Alex non si fa sfuggire occasione per prenderla in giro per i suoi risultati scolastici. Juliet ci rimane male, non capisce il motivo di tanto astio e si sfoga con le amiche, ma non dice niente al fidanzato. I brutti voti in fisica e la paura di una punizione spingono Juliet a cercare di persuadere il professore in modo poco ortodosso, Alex la vede e minaccia di spifferare tutto alla madre. Juliet è furibonda, ma la resa dei conti con quel secchione dagli occhi di ghiaccio è ormai vicina… anzi è già cominciata, ed è una guerra fino all’ultimo respiro…





Non è facile scrivere la recensione di un libro come Il Karma dell'amore inaspettato di Stefania Serafini, edito da Newton Compton! Non è facile perché è uno di quei romanzi che non lasciano indifferente il lettore: lo turbano, scuotono, lo lasciano interdetto... e tutto questo non sempre ha una connotazione positiva.

Il Karma dell'amore inaspettato è un libro difficile, perché affronta una tematica forte che cozza in maniera vistosa con l'età dei protagonisti. Non entro nel merito della descrizione di un rapporto dominatore - sottomessa, perché non ho le conoscenze necessarie, ma con tutta onestà non riesco a immaginare adolescenti alle prese con una relazione di questo tipo, non riesco proprio e non credo di essere bacchettona!

Ma il romanzo di Stefania Serafini parla anche di quello. Lo fa mettendo in gioco Alexander: un ragazzo all'ultimo anno di liceo, affascinate e pieno di problemi, e Juliet una ragazza superficiale e alla ricerca di una propria identità! Una coppia di personaggi che non regala nessuna novità al lettore, ma che sembra una scelta rassicurante e già vista. 
La trama si sviluppa e il rapporto tra i due diventa, pagina dopo pagina, sempre più morboso. I perché arrivano solo alla fine, e solo in parte, quando ormai il lettore è scoraggiato e senza parole. Arrivano e ti lasciano una profonda amarezza addosso, ma anche la voglia di sapere di più!

Perché la verità è che Il Karma dell'amore inaspettato è un romanzo che non riesci ad abbandonare sul comodino, perché va a stuzzicare il desiderio di conoscere e di sapere, di andare oltre. 
Cari lettori saremo accontentati in parte e per questo vorremo leggere ancora!

Nulla da eccepire sullo stile: ritmato, con dialoghi credibili, scritto bene!

No ai personaggi e al loro rapporto... oppure sì se rispecchiano veramente una parte di adolescenti. In questo ultimo caso penso che come madre sarò chiamata a un grande sforzo per non permettere una deriva psicologica e una sperimentazione (troppo troppo troppo) precoce per i miei figli.

Il Karma dell'amore inaspettato è un romanzo scritto bene, con una storia destinata a scuotere e a non lasciarci indifferenti!
Buona lettura


Nessun commento:

Lasciami la tua opinione