giovedì 5 gennaio 2017

Recensione: Flower

«Lui è labbra disegnate e occhi scuri e un milione di misteri che ancora non ho risolto»


Flower
di Elizabeth Craft e Shea Olsen
Newton Compton

Trama
Charlotte vive con la nonna ed è una ragazza con la testa sulle spalle: bravissima a scuola, lavora in un negozio di fiori per pagarsi gli studi e nel tempo libero si prepara per l’ammissione alla prestigiosa università di Stanford. È molto concentrata e non si concede distrazioni, niente uscite serali e soprattutto niente ragazzi: la sua più grande paura è infatti quella di fare la fine di tutte le donne della sua famiglia, che hanno rinunciato a seguire le proprie aspirazioni a causa dell’amore. Una sera, all’ora di chiusura, entra nel suo negozio un misterioso e affascinante cliente, ombroso ma gentile, che le fa strane domande. Nonostante ne rimanga colpita, Charlotte è sicura di non rivederlo mai più… E invece la mattina dopo le viene recapitato in classe un mazzo di rose purpuree, i suoi fiori preferiti. A mandarglieli è stato proprio Tate, il ragazzo della sera prima, che inizia a corteggiarla in modo molto discreto ma deciso. Charlotte, dopo le resistenze iniziali, decide di uscire con lui per una sola sera. Ma appena fuori dal ristorante vengono assaliti da folla di paparazzi che grida il nome di Tate… Chi è davvero quel misterioso ragazzo e cosa nasconde dietro quei bellissimi occhi malinconici?
Oggi vi parlo della storia perfetta per chi ha bisogno di sognare, perché Flower  di Elizabeth Craft e Shea Olsen (edito Newton Compton, che ringrazio di cuore per la copia cartacea) è proprio questo: una storia che racconta di una sorta di Cenerentola dei giorni nostri dove il principe, però, deve sfidare i propri demoni.

Abbiamo Charlotte, una protagonista che si è imposta molte regole, che ha piantato paletti da non superare e si è imposta confini molto definiti. Abbiamo Tate, un protagonista molto famoso, ma che è rimasto scottato dal successo. Riusciranno a trovare un punto d'incontro una ragazza che non vuole relazioni e una rockstar che non vuole stravolgere la vita di nessuno?

Flower è uno Young adult e assolve alla perfezione il suo compito: far sognare le ragazze giovani. Perché chi a 16 anni non ha desiderato che l'attore o il cantante di successo potesse perdere la testa per lei?
Ma è anche un libro adatto per le fan di Pretty Woman perché un riccone che ci compra vestiti, ci porta dal parrucchiere delle star e ci fa volare su jet privati è il desiderio di tutte noi fanciulle sognatrici.

L'ambientazione è quella di Los Angeles, dei paparazzi ad ogni angolo, della privacy ridotta a zero. 
Ma ci sono passaggi in Colorado (i più belli e intimi) e a New York.

Dei due personaggi quelli che mi è piaciuto di più è Charlotte, forse perché è la più coraggiosa tra i due, è quella che ha il coraggio di cambiare e di lasciarsi andare.

Un libro decisamente young, che però è piaciuto anche a una vecchia carampana come me, perché ci permette di guardare dal buco della serratura come la vita delle persone possa essere letteralmente stravolta dal successo e perché i sentimenti sono il motore di ogni passo della nostra vita.

Buona lettura




1 commento:

  1. nooooo, vecchia carampana no XD Però questo libro è decisamente Young ;)
    Un bacio <3

    RispondiElimina