mercoledì 23 novembre 2016

Tra due mondi

«Mi sei entrata nell'anima la notte in cui ti ho vista in Georgia. Sei entrata dentro di me, sei diventata una parte di me. Non posso farci niente. È sbagliatissimo»

Tra due mondi - Covenant Series #1
Jennifer L. Armentrout
HarperCollins

Trama
Gli Hematoi discendono dall'unione di dei e mortali, e i figli di due Hematoi di sangue puro hanno poteri di origine divina. I nati dall'unione tra i figli degli Hematoi e i mortali, invece... be', non proprio. I Mezzosangue hanno solo due possibilità: venire addestrati per diventare Sentinelle con il compito di combattere e uccidere i daimon o diventare servitori nelle dimore dei Puri. La diciassettenne Alexandria preferirebbe rischiare la vita lottando piuttosto che sprecarla pulendo i pavimenti, ma non è detto che ci riesca. La sua condotta, infatti, è tutt'altro che irreprensibile. Ci sono diverse regole che gli studenti del Covenant, come lei, devono seguire e Alex ha dei problemi con tutte, ma soprattutto con la numero 1: le relazioni tra i Puri e i Mezzosangue sono proibite. Sfortunatamente, lei è attratta da Aiden, bellissimo e... Puro. Comunque innamorarsi di Aiden non è il suo più grande problema, rimanere in vita abbastanza a lungo e diventare una Sentinella invece sì. Se fallirà nel suo compito, dovrà fronteggiare un futuro più terribile della morte o della schiavitù: diventerà un daimon, e Aiden le darà la caccia. E quella sarebbe una vera disgrazia.

Ogni volta che termino un libro della Armentrout mi chiedo come faccia a scrivere sempre delle storie stupende: mai un calo nella trama, intrecci sempre coinvolgenti, personaggi indimenticabili e una sfilza infinita di fidanzati di carta: praticamente ogni volta che leggo un suo libro mi prendo una cotta per qualcuno.

E anche in "Tra due mondi", primo libro della Covenant series edito da HarperCollins, è andata così. 
Questa volta l'autrice ci fa conoscere gli dei e la mitologia greca: un mondo con una scala sociale molto rigida, regole ferree e, ovviamente, una marea di problemi. 

Alex è una protagonista tostissima: combattiva, senza paura e con la capacità di dire sempre quello che pensa, a costo di risultare sfacciata o anche maleducata. La incontriamo alle prese con i cattivi e capiamo sin dalle prime pagine di che pasta è fatta. 
L'ambientazione è quella di un Covenant, una scuola dove studiano e vengono addestrati sia i Puri (i più alti nella scala sociale) che i Mezzosangue. 
Le dinamiche sono quelle tipiche di una situazione in cui si trovano a convivere tanti adolescenti fra screzi, amicizie e cose proibite.

Gli altri personaggi nati dalla penna della Armentrout sono molto interessanti (leggete pure fighi): Aiden un puro bellissimo (tantissimo amore), Seth potentissimo e dal carattere particolare e Caleb l'amico con la a maiuscola.

In questo volume ho trovato molta azione sia nella scuola che fuori: Alex deve essere addestrata e ce la mette veramente tutta, nulle la ferma e fa anche i conti con i suoi sentimenti e le sue paure, riuscendo a sconfiggerle.

«Quelle parole proibite mi avvolsero il cuore e s'incisero per sempre nell'anima. 
I nostri sguardi s'incontrarono. 
Continuammo a fissarci mentre il silenzio si allargava fra noi.»

Lo stile è quello della Armentrout, che mescola con grande sapienza ironia, dialoghi serrati, scene che ci fanno emozionare.  L'intreccio ci porta a una conclusione che lascia aperte tantissime strade, che non vedo l'ora di scoprire più nel dettaglio. 

Buona lettura

Se volete leggere l'opinione della mia amica Deb di Leggendo Romance QUI trovate la sua recensione

Non dimenticatevi che è in corso il blogtour del secondo volume che esce domani: Cuore Puro, QUI l'evento in cui verranno caricati tutti i post con gli articoli di approfondimento

4 commenti:

  1. La citazione d'apertura è anche una di quelle che ho scelto io, sempre più connesse <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi lui le dice Agapi mou… sono MORTA!
      Baci

      Elimina
  2. Bellissima recensione! Questo libro è in WL e spero di leggerlo presto ;)

    RispondiElimina
  3. Grazie Francesco! Leggilo: ne vale veramente la pena :)

    RispondiElimina