mercoledì 19 ottobre 2016

Blog tour The Boy Band - recensione



Oggi sul blog parliamo di un libro attesissimo che riesce a coniugare una pungente ironia e a guardare con occhio critico il mondo delle fan.
The Boy band è uscito il 14 ottobre per la casa editrice De Agostini ed ecco qui la mia tappa del blog tour

«La gente mi ha dato della pazza.
È comprensibile: le vere fan hanno sempre una pessima reputazione. Dicono che siamo strane, isteriche, fissate, da manicomio. Ma la gente non capisce. Solo perché amo tantissimo una cosa non vuol dire che sono matta. E i Ruperts li amavo davvero un sacco»

The boy band - Li amavo da morire
di Goldy Moldavsky
De Agostini

Trama
Hadley ha quindici anni e una vera ossessione per i Ruperts, la boy band del momento. Ecco perché, insieme alle sue tre amiche del cuore, affitta una stanza nello stesso hotel di New York in cui alloggerà il gruppo. Spera di poter incontrare i suoi idoli. Le cose però prendono una piega del tutto inaspettata quando una
delle ragazze incrocia per caso Rupert P., il membro meno amato della band, ma pur sempre il suo preferito. Incapace di contenere l’entusiasmo, gli si getta al collo con tanto slancio che finisce per tramortirlo.
In un attimo, il poveretto si ritrova nella camera delle fan, legato e imbavagliato. Il suo telefonino sequestrato e tutti i suoi segreti nelle mani avide delle quattro amiche. Hadley però si sente in colpa ed è pronta a tutto per liberarlo. Anche a rischiare il carcere o, peggio ancora, a litigare con le amiche. Per chiarirsi le idee lascia la stanza per pochi minuti, pochi minuti soltanto. Ma al suo rientro il cantante è morto.
Tutte e tre le amiche si dichiarano innocenti, eppure… Hadley sa che non può più fidarsi di nessuno. Così, in una lunga notte piena di colpi di scena, dovrà prendere la decisione più difficile della sua vita: tradire le amiche e confessare tutto, oppure tradire il grande amore – i Ruperts – e farla franca.



Prendete una commedia americana, infilateci un po' di humor nero, farcitela di citazioni anni Ottanta e attuali ed ecco a voi The boy band - Li amavo da morire di Goldy Moldavsky - De Agostini

Ho letto questo libro avidamente con la voglia di arrivare all'ultima pagina per scoprire cosa hanno combinato le quattro ragazze protagoniste del libro e, ammetto, che nulla mi ha delusa.

Mi è piaciuto come l'autrice sia riuscita da una parte a ironizzare su tutto un sistema (talent, boy band, stereotipi, durata del successo) dall'altra a farci dare un'occhiata a cosa c'è dietro lo scintillio delle telecamere.
Tutto è finto! Le relazioni, gli atteggiamenti, i talenti, il modo di porsi.

«Questo era uno scandalo di livello superiore, e per Isabel lo scandalo era l'unica cosa che faceva alzare il sipario e ci mostrava chi erano veramente i nostri idoli. Senza lo scandalo vedevamo solo qualcosa di artefatto, creato da produttori musicali e pubblicitari»

Queste quattro, un po' folli, fan toglieranno la maschera ai loro idoli e daranno una sbirciatina dietro.

Un libro giovane, per un pubblico altrettanto giovane, ma adatto anche a me che mi sono divertita un sacco a leggerlo perché ho ripensato alle mie boy band (anche se non sono mai stata una fan con la F maiuscola).

«Era tutto qui?
Erano soltanto ragazzi. Togliete il gruppo, le luci, il successo e le fan urlanti, ed erano soltanto ragazzi, scelti da noi come oggetto della nostra ossessione»

Però una volta mi è capitato di incontrare faccia a faccia il mio idolo: Milano, concerto dei Rem estate 2008. Alla fine di una performance a dir poco spettacolare, mentre passeggio per ritornare alla macchina ecco che mi ritrovo davanti Michael Stipe... ok ero super emozionata, forse avevo anche una faccia scioccata, comunque ci siamo salutati, è salito in macchina e addio. Le mie retine conservano gelosamente quel ricordo.


Seguite tutte le tappe, eccole

a Rafflecopter giveaway


13 commenti:

  1. Un libro che si legge velocemente ma che ha molto suspense e curiosità.

    RispondiElimina
  2. Virgy sembra carino, ma soprattutto....W I REM!!! <3

    RispondiElimina
  3. bel blogtour, libro che mi ispira sempre più!

    RispondiElimina
  4. Sembra molto ironico e divertente e mi aveva convinto già la trama! Bella recensione

    RispondiElimina
  5. Avevo letto alcune recensioni negative, avevo letto di alcune persone che non gli trovavano un senso, ma ammetto che la parte sullo humor nero mi ha convinta perché mi piace molto - dopotutto Funeral Party è uno dei miei film preferiti.

    RispondiElimina
  6. Continuo a trovare questo libro sempre più interessante, e ho letto la trama solo da pochi minuti! 😄 Sono curiosissima.

    RispondiElimina
  7. Anche se non sono più giovane ..ho superato gli anta.questo libro piace anche a me :-)

    RispondiElimina
  8. Questo libro mi suscita sempre più curiosità. Un bel libro!

    RispondiElimina
  9. Questo libro mi suscita sempre più curiosità. Un bel libro!

    RispondiElimina
  10. Beh stiamo parlando dei REM ♡.♡
    Che emozione deve essere stata per te Virginia!!!
    Mi è piaciuta tanto la tua recensione e sono davvero curiosa di leggere questo romanzo e farmi una mia idea ;-)
    Partecipo al blogtour e al Giveaway ;-)
    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    Mail: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Instagram: @ross_3193
    Facebook: Rosy Palazzo

    Condivisione Facebook:
    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=754776578007409&id=100004252210765

    Condivisione Google +:
    https://plus.google.com/113976052575756250572/posts/WVnJiq85m8c

    Condivisione Instagram:
    https://www.instagram.com/p/BLyXy8Hhj5v/

    Grazie mille per la bellissima opportunità 😘

    RispondiElimina
  11. Grazie mille per l'opportunità *.*
    angelina.alboreo@hotmail.it

    RispondiElimina
  12. Soltanto leggendo la tua recensione questo libro mi piace già. Sono certa che sarà una bellissima lettura.

    RispondiElimina
  13. Questo libro è davvero un gioiellino. ♥

    RispondiElimina