martedì 6 settembre 2016

Come sposare un milionario

"Come accade spesso da adulti, il tempo era passato  in un lampo, a prescindere da quanto fosse stato sgradevole o faticoso"

Come sposare un milionario
di Curtis Sittenfeld
BookMe
Link Amazon

Trama
Il matrimonio è sopravvalutato. Almeno è così che la pensa il Signor Bennet, padre di cinque splendide figlie - tutte ostinatamente nubili - e marito di lungo corso di una donna ingombrante. Ma quando Chip Bingley, scapolo tra i più ambiti, fa ritorno a Cincinnati, niente e nessuno può contenere la frenesia che come una febbre si impossessa della Signora Bennet. L'eccitabile e invadente matriarca, infatti, è pronta a tutto pur di vedere sistemate almeno le maggiori tra le sue ragazze: la dolce Jane, maestra di yoga ormai vicina ai quaranta e tormentata dal desiderio di un figlio, e l'inquieta Lizzie, giornalista residente a New York e single part-time. Poco importa che problemi ben più pressanti minaccino la serenità della famiglia ... Sull'orlo della rovina economica, incalzate da mille imprevisti e complicazioni, riusciranno le sorelle Bennet a sopravvivere a quel ciclone chiamato amore?

Prendete le sorelle Bennet e portatele nell'America del nuovo millennio, date a loro lavori (pochi), fidanzati che non si possono definire tali e una famiglia sull'orlo della bancarotta. Ecco a voi "Come sposare un milionario" retelling di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen, uscito per BookMe

Curtis Sittenfeld si è gettata a capofitto in una prova difficilissima, quella di confrontarsi con una delle pietre miliari della letteratura, e lo ha fatto con stile, strappando più di qualche sorriso al lettore, grazie a quella vena di ironia e sarcasmo che aleggiano in tutto il romanzo.

Parliamo dei personaggi, perché la forza del libro è stata interpretare e rendere in chiave moderna (facendolo molto bene) caratteri che la Austen aveva dipinto con chiarezza e soffermandosi sui particolari.

La signora Bennet: la ritroviamo ottusa, retrograda e con un grandissimo problema di shopping compulsivo. A lei si contrappone, come figura genitoriale, il marito che appare come un uomo dall'ironia pungente, abbastanza stanco della famiglia ma non abbastanza in gamba per cambiare una virgola della situazione attuale. La bancarotta è vicinissima e lui si limita ad andare avanti per la sua strada.

Lydia se era odiosa nella versione della Austen, in questa non migliora il suo carattere: pigra, senza un lavoro, vive con mamma e papà, ma saprà stupire. Come lei anche Kitty, insieme sono volgari, sopra le righe e chiassose, ma la Sittenfeld ce le farà rivalutare. Quella che ne esce meno bene è Mary, davvero troppo concentrata su se stessa, egoista e con poco da dire. Per me è un enorme pollicione giù.

Jane è una single quarantenne, non per scelta ma per come il destino le ha scombinato i piani. Lei è quella che mi ha stupita maggiormente, per le scelte. Resta un personaggio positivo, buono, ma a tratti un po' troppo succube di Liz. Liz è la chiave del libro: aiuta la famiglia, compie le scelte giuste, nonostante qualche errore di valutazione, ma ci riempe il cuore di emozioni grazie a un sarcasmo ereditato dal signor Bennet, un'intelligenza acuta e scene decisamente divertenti.

"Lizzy, sei stata la voce della ragione in una cacofonia di stolti"

La famiglia Bennet si dovrà destreggiare fra la convalescenza del papà, gli acquisti compulsavi di mamma, una disinfestazione della casa in vendita, neurochirurgi dall'innegabile fascino, reality show e pregiudizi. Il tutto con un velo di ironia che mi ha reso la lettura piacevole e scorrevole e fatto più volte scoppiare in una risata.

Come sposare un milionario è un libro divertente, che ci permette di dare un'occhiata alla famiglia Benent in chiave moderna: consigliassimo agli amanti della Austen e anche a chi non l'ha mai letta (perché???).

Grazie di cuore alla CE per la copia ebook del libro 

Buona lettura


3 commenti:

  1. Le rivisitazioni dei classici difficilmente valgono la pena, ma questo sembra essere l'eccezione alla regola. Se i personaggi sono ben sviluppati e adattati ai nostri tempi e lo stile della Sittenfeld regge il confronto con la Austen, potrebbe essere una lettura molto valida. Me lo segno sicuramente! ;)

    RispondiElimina
  2. Hai fatto crescere la mia curiosità alle stelle,sarà fra le prossime letture! Ho adorato orgoglio e pregiudizio <3

    RispondiElimina
  3. Uh che romanzo carino, mi sa che devo inserirlo nella mia TBR, so già quando leggerlo, magari durante le vacanze natalizie. Ci vorrà del tempo perchè arrivino, ma secondo me è l'atmosfera giusta.

    RispondiElimina