mercoledì 31 agosto 2016

La distanza tra me e te - Domino Letterario

Buon mercoledì oggi torna il Domino Letterario, una rubrica a scadenza mensile che mi piace un sacco per due motivi: la condivido con tanti fantastici blogger e mi dà modo di conoscere e scoprire opinioni diverse sui libri. Se avete voglia di sbirciare qua e là in questo magico mondo fatto di carta, ebook, parole e fantasia, vi lascio l'elenco dei blog partecipanti.


"Mi dimentico le cose. Il posto in cui parcheggio la mia auto, quante uova servono per fare una torta, dove ho appoggiato le chiavi di casa, una parola che resta sulla punta della lingua. Eppure, in tutto questo disordine, non mi dimentico mai di te"

La distanza tra me e te
Lucrezia Scali
Newton Compton

Trama
Isabel abita a Roma: poco socievole, precisa, abitudinaria, programma la sua vita nel dettaglio. Non sopporta le sorprese, non le piace cambiare i suoi piani all’ultimo momento e considera l’imprevisto un vero nemico. Andreas vive in un piccolo bilocale a Torino, dove gestisce l’officina del padre. Ama la compagnia degli altri, il rischio e l’avventura. Due mondi incompatibili, uniti solo da una comune passione: i cani. Entrambi ne hanno uno, a cui sono legatissimi. Ed è proprio quando li accompagnano a una gara, che Isabel e Andreas s’incontrano. O per meglio dire, si scontrano, perché l’impatto non è dei migliori. Quasi per gioco, i due prendono a scriversi su Facebook. Brevi messaggi conditi da ironia e frecciatine. Sarebbe tutto perfetto, se Isabel non fosse sposata e Andreas fidanzato…



Preparatevi a una lunga recensione tutta cuori, perché "La distanza tra me e te" di Lucrezia Scali è un libro bello bellissimo. 

Avete presente quelle storie che vi catturano e da cui riuscite a riemergere a fatica? Quelle emozioni che vi fanno mordicchiare le unghie ed emettere sospiri? Quelle scene che sottolineate dalla prima all'ultima parola e vi fanno dire: ecco la frase perfetta?  
Il libro di Lucrezia vi farà rispondere sì a tutte queste domande, ma non fermiamoci solo a questo. Perché la verità è che è scritto bene e che la storia ha tutti gli ingredienti giusti per tenere il lettore col fiato sospeso: segreti, indecisione, sentimenti. 

"Perché la vita è fatta così: è una continua fonte di imprevisti. Non è una brutta parola, lo sai? Cerca di ripeterla più spesso ad alta voce, perché nasconde anche delle belle sorprese"

Ho letto "La distanza tra me e te" con avidità, bloccandomi ogni tanto per poter rilegge una frase, segnarmi un concetto. L'ho letto con gusto, affezionandomi alle due voci narranti Isabel e Andreas
A tutti e due, nonostante la protagonista femminile sia troppo inquadrata per me. 
Sono riuscita anche io, come loro, ad andare oltre le apparenze e a voler bene a questi due personaggi così lontani uno dall'altro.

"Il nuovo mi spaventa, e mi spaventa lanciarmi senza il paracadute, anche se la vista da lassù è maledettamente bella"

Possono due opposti essere perfetti insieme? Si può vivere non vivendo? I sentimenti possono non sfiorarti per tutta una vita e poi all'improvviso travolgerti? 
Sono tante le domande che mi ha suscitato questa lettura. Anche in merito alla fedeltà e ai legami. Argomenti su cui è facile esprimersi, prendere posizione, ma sui quali io sospendo il giudizio. Non vi dirò cosa accade, la misura degli avvenimenti, se i confini sono stati rotti o no. Leggetelo e decidete voi. Per me la storia è perfetta così come l'autrice ha voluto raccontarcela.

Da "Te lo dico sottovoce" lo stile di Lucrezia è cambiato, si è evoluta come autrice, sembra spazzata via quella sorta di timidezza che - solo con il senno di poi - poteva trasparire dal primo libro. E se con il primo lavoro mi era piaciuta un sacco, con questa mi ha stupita ancora di più. 

Alcuni punti fermi: un'ottima analisi psicologica dei personaggi, una scrittura pulita e fluida, periodi che hanno la giusta lunghezza e un amore viscerale per gli amici a quattro zampe.

Bello bellissimo
Vi basta?

Buona lettura

13 commenti:

  1. Di solito sono scettica sui libri d'amore, soprattutto quelli pubblicati dalla Newton, ma se questo è bello bellissimo, magari gli darò una possibilità.

    RispondiElimina
  2. Letto anche io e mi è piaciuto moltissimo!!!

    RispondiElimina
  3. Come sai, Virgi, questo non è proprio il mio genere, ma è sempre un piacere leggere le tue recensioni. <3

    RispondiElimina
  4. Che dire? La penso come te! Proprio una bella lettura <3

    RispondiElimina
  5. Potrei dargli una possibilità... anche se io e le autrici italiane non ci piacciamo molto xD

    RispondiElimina
  6. Questo libro farebbe parte di quelli messi per me nella lista dei 'non fanno per me'. Ma la tua recensione mi ha fatto un pò ricredere. Me lo segno :3


    - Hanna della tana dei libri sconosciuti

    RispondiElimina
  7. Wow davvero? Ed io che non lo avevo preso in considerazione! ❤️_❤️ Grazie per questa recensione piena di entusiasmo ^_^

    RispondiElimina
  8. Volevo provare a leggere la Scali e ho l'altro suo libro nel kobo ma il problema è sempre il tempo tra una lettura in arretrato e l'altra XD Aggiungo anche questo in WL, va.

    RispondiElimina
  9. Non era per niente il mio genere ma l'ho terminato ieri notte: in un giorno. Ho detto tutto. :)

    RispondiElimina
  10. Ciao, della Scali ho letto solo " Te lo dico sottovoce " e mi era piaciuto molto e non vedo l' ora di leggere questo suo nuovo libro!
    Bella recensione mi ha fatto venir voglia di leggerlo adesso, ma ahimè non posso =(, devo recuperare alcuni arretrati importanti !
    Ella

    RispondiElimina
  11. Sono contenta che un'autrice italiana abbia così tanto successo, ma davvero non riesco ad avvicinarmici. Il romance non è decisamente il mio genere. Bella recensione comunque :)

    RispondiElimina
  12. Ho letto Te lo dico Sottovoce e l'ho apprezzato. Sono felice di leggere che come autrice la Scali sia migliorata, è un piacere saperlo. Leggerò questo libro il prima possibile!

    RispondiElimina