venerdì 20 maggio 2016

So che ci sei: recensione e libri in musica

Avrei voluto dirgli che avevo capito in queste troppo poche settimane con lui, che la fine di un amore si poteva superare. Era come una caduta dalla bicicletta. Il cuore si sarebbe sbucciato e l’autostima sarebbe crollata all’ennesimo scivolone. Avrei aggiunto un graffio alla mia pelle. Alcune ferite si sarebbero rimarginate subito, altre, invece, avrebbero richiesto tempo e lacrime, lasciando il segno indelebile. Ma ogni volta che le avrei guardate, mi sarei ricordata che, anche dopo aver toccato il suolo, avevo avuto la forza di rialzarmi e ributtarmi in sella alla bici. Magari sarei caduta ancora due curve dopo, ma valeva la pena rischiare.


So che ci sei
Elisa Gioia
Piemme


Trama
C'è qualcosa di peggio che essere tradita e mollata dal ragazzo con cui pensavi di passare tutta la vita. Ed è vederlo online su WhatsApp, per tutta la notte, e sapere che non sta scrivendo a te, non sta pensando a te, ma a qualcun altro.
È proprio quello che capita a Gioia al suo ritorno da Londra, dopo aver passato mesi facendo di tutto per tornare da Matteo, cantante di un gruppo rock che sembrava irraggiungibile e invece quattro anni prima era diventato il suo ragazzo. Peccato che ad aspettarla all'aeroporto, al posto di Matteo, ci sia il padre di Gioia, l'aria affranta e un foglio A4 tra le mani, con la magra e codarda spiegazione del ragazzo che non ha neanche avuto il coraggio di lasciarla guardandola negli occhi.
Dopo mesi di clausura, chili di gelato e un rapporto privilegiatissimo col suo piumone, però, Gioia si fa convincere a passare un weekend con le sue migliori amiche a Barcellona. Non c'è niente di meglio di un viaggio, qualche serata alcolica e un po' di chiacchiere tra donne per riparare un cuore infranto. Se poi a questo si aggiunge un incontro del tutto inaspettato con un uomo che pare spuntato direttamente dalla copertina di un magazine di successo, la possibilità di ricominciare pare ancora più vicina. E, soprattutto, la consapevolezza che l'amore vero non ha bisogno di "ultimi accessi" di status o faccine sorridenti. È tutto da vivere, là fuori, a telefoni rigorosamente spenti.

***
Oggi vi parlo di una lettura che ho recuperato dagli arretrati: So che ci sei di Elisa Gioia edito da Piemme. La buona notizia è che non dovrò attendere troppo il seguito: Il mio lieto fine sei tu, uscita prevista per il 21 giugno.
Era da tanto che volevo leggere questo romanzo che ha appagato pienamente le mie aspettative: storia divertente e coinvolgente, una protagonista in cui tutte noi possiamo immedesimarci, un bello bellissimo che ci fa sognare e uno stile di scrittura brillante e coinvolgente, che mi ha strappato più volte un sorriso.

Gioia è una di noi. Capace di essere goffa nel momento sbagliato, ossessionata dall'ultimo accesso su WhatsApp ed espertissima nel crogiolarsi molto a lungo nel suo dolore. Accompagnando il tutto con gelato, perché non c'è niente di più curativo per un cuore infranto di una mega confezione di stracciatella. Perché la vita di Gioia, dopo una vacanza studio a Londra, ha preso una piega inaspettata. Come reagireste se il vostro ragazzo vi lasciasse tramite una lettera e per di più facendovela consegnare da vostro padre? Male, vero? Ecco diciamo che la poverina ha i suoi buoni motivi per essere giù di morale. Un fine settimana a Barcellona, molto alcolico e in compagnia delle amiche del cuore, avrà il potere di dare una svolta alla sua vita. Una svolta molto sexy e intrigante!
Ovviamente ho tifato per Gioia e mi sono immedesimata moltissimo in lei, ad esclusione del "super imprenditore bello come un modello" con cui instaura un rapporto fatto di attrazione e litigi, perché nel mio caso le delusioni d'amore non sono state curate così, ahimè.
Che dire di Christian? È bello, intelligente, simpatico e uomo di potere... Ce lo facciamo decisamente bastare, vero?
In tutto il romanzo la tensione fra i due è palpabile e l'attrazione spesso lascia spazio a litigate e viceversa. Oltre a questo ci sono moltissime scene divertenti, dalle feste a situazioni imbarazzanti sul luogo di lavoro.

Lo stile è brillante, Elisa Gioia mescola sarcasmo ed emozioni creando un mix perfetto in cui il lettore può immergersi e sognare un po' insieme alla protagonista.

Segnatevi il 21 giugno perché arriva il seguito e io non vedo l'ora di sapere cosa accadrà!

Buona lettura

E visto che adoro la rubrica Libri in musica (che vi ricordo essere saltuaria) e che l'autrice ci presenta al termine del libro la playlist, vi lascio qui sotto le canzoni

Happy, Pharrell Williams

When You Say Nothing at All, Ronan Keating

Vaffanculo, Marco Masini

Stay With Me, Sam Smith

Every Breath You Take, The Police

The Blower’s Daughter, Damien Rice

Chasing Cars, Snow Patrol

This Year’s Love, David Gray

I See Fire, Ed Sheeran

All Of Me, John Legend

Poison & Wine, The Civil Wars

Mirrors, Justin Timberlake

For Once in My Life, Frank Sinatra

Nessun commento:

Posta un commento