martedì 8 marzo 2016

I martedì delle ragazze: citazioni e tazze di tè

Buon martedì, siete pronti per un tè bollente e quattro chiacchiere sui libri? Deb di Leggendo Romance, Isa de Il Bosco dei sogni fantastici ed io vi mostriamo le nostre citazioni preferite della settimana



Deb«Amanda, non puoi cambiare il passato…e gente come noi non sa se avrà un futuro. Il passato non esiste più. Abbiamo soltanto il presente. Il presente è perfetto, giovane cavalletta, perché respiriamo, ci muoviamo, ridiamo, piangiamo e ci sorprendiamo quando troviamo qualcuno con cui creare un legame. Smetti di vivere nel passato, smetti di sprecare il presente.»
La citazione è tratta da "Perfect" di Alison G. Biley. L'ho scelta perché mi ha colpito, credo sia esattamente ciò che dovrebbe essere l’obiettivo di ognuno, vivere il presente e godere di ogni più piccola sensazione ed emozione, lasciare andare ciò che è stato e ciò che sarà e “vivere” realmente ciò che stiamo vivendo. Sembra la cosa più semplice ma in realtà è la cosa più difficile da fare, io ci sto ancora lavorando e ogni tanto leggere queste frasi serve a riprovarci.

Isa«Non era facile vivere con la figlia di un'altra, che per giunta le ricordava il passato di Harald».
Questa frase è una delle tante che ho sottolineato leggendo il romanzo thriller "Segreto di Famiglia" di Mikaela Bley.
Una frase che mi consente di riflettere sulle sfumature che le famiglie moderne sono capaci di offrire.
Ormai non ci stupiamo più davanti a genitori separati e magari risposati, che si creano una seconda famiglia. A me, personalmente, non da alcun fastidio né problema. Anzi.
Non sono nessuno per poter giudicare cos'è giusto e cos'è sbagliato.
Quello che so - e che percepisco da una frase come questa - è che non è facile né per gli adulti né per i bambini, per i più svariati motivi.
E' una tematica molto attuale. E' qualcosa di molto vero e complicato da gestire, oltre che talvolta da comprendere.


Virgi: «Posso dirti, in tutta onestà, che quando per tutta la vita cerchi di nascondere il tuo cuore, non penseresti mai che una mattina qualunque, in un giorno qualunque, qualcuno possa aggirarsi in punta di piedi in quel nascondiglio per rubarlo. Tu mi hai rubato il cuore, Bellatrice».
La frase è tratta da Beauty and the Cyborg di Miriam Ciraolo, rivisitazione in chiave distopica de La bella e la bestia. L'ho scelta perché credo che l'amore sia così: ti sorprende quando meno te lo aspetti e non vorresti magari sentirlo neppure nominare, ma quando scriva non ci pupi fare nulla: anche il cuore più malandato cede alle sue carezze

Nessun commento:

Posta un commento