giovedì 21 gennaio 2016

Senza Nuvole

"Basta sapere che cosa qualcuno sta leggendo, per farsi un'idea di cosa stia pensando"

Senza nuvole
di Alice Oseman
Newton Compton

Trama
Il mio nome è Tori Spring. Mi piace dormire e mi piacciono i blog. L’anno scorso avevo degli amici. Prima che succedesse tutto quel casino con mio fratello, prima di dover affrontare la dura realtà dei miei voti e delle domande per l’iscrizione all’università e prima di rendermi conto che avrei dovuto iniziare a parlare con la gente… Le cose erano molto diverse, credo. Ma adesso è tutto finito. Ora c’è qualcuno che si firma Solitaire che sta cercando di terrorizzare tutta la scuola con strani messaggi e minacce. E, a dire la verità, ci sta riuscendo anche bene!  E poi c’è quello nuovo, un certo Michael. Sì, ok, è dolce e sensibile, ma perché mi sta così addosso? Nessuno ha detto che non sia carino e so che molte ragazze in classe lo trovano anche sexy. Ma non io. A me non interessano le storie d’amore e detesto i mielosi romanzi della Austen.  Ma con tutta questa confusione ho davvero paura di non capirci più nulla…

***
Un altro libro letto sul finire del 2015 che mi è piaciuto e mi ha piacevolmente stupita: oggi vi parlo di "Senza Nuvole" di Alice Oseman edito da Newton Compton
La storia che ci racconta l'autrice è particolare e si discosta da altri libri indirizzati al medesimo pubblico, fra le tematiche affrontate ci sono l'omosessualità, l'accettazione del proprio corpo (dal punto di vista maschile), il sentirsi inadeguati e fuori dagli schemi. Tori è una protagonista particolarissima: silenziosa, disinteressata all'opinione che gli altri hanno di lei, attratta in maniera quasi ossessiva dal mondo di internet e dai blog. Una cosa che mi è piaciuta e che mi ha colpito di lei è stato il ritrovare in questa ragazza disadattata alcune caratteristiche di tutti gli adolescenti che ho conosciuto, rendendola un personaggio estremamente reale. E preparatevi perché Tori non aspira a uscire col più bello della scuola, a scoprirsi sexy e popolare. Non ha grandi obiettivi, se non quello (a mio parere) di uscire da quella nebbia anaffettiva che la avvolge e che si è cercata di costruire intorno come una corazza.
Un libro che mi ha veramente stupito, per la sua diversità, per una scrittura introspettiva, perché i personaggi non sono standardizzati. Per i film che fanno parte della storia e la scandiscono, ma anche per i sentimenti che si rivelano essere come quelli di ogni adolescente: amplificati all'inverosimile.
Strano rileggere da adulti e ritrovare stralci delle emozioni che ci trascinavamo dietro, così potenti da sconvolgerci allora, mentre oggi le osserviamo con immensa tenerezza. Un libro che consiglio agli adolescenti di oggi.
Buona lettura

Nessun commento:

Posta un commento