martedì 22 dicembre 2015

Le reliquie di Salem - Discendenze

Le relique di Salem - Discendenze
di Valeria Gambino e Caterina Castello
Booksprint

Trama
Nel 1692 l'inquisizione giustiziò le streghe di Salem. Dietro l'uccisione delle streghe vi era il piano di due spregevoli negromanti, tale sacrificio avrebbe conferito loro il potere tanto sognato, essi sarebbero diventati dei demoni e avrebbero avuto il controllo su tutta l'umanità. Il loro piano però non andò a buon fine: una strega riuscì a scappare portando con sé dei bambini. La dinastia di Salem sarebbe continuata. I negromanti formarono una setta per cercare e sacrificare l'ultima discendente di Salem. Sono passati secoli dal 1692, e la setta è sempre più vicina al suo obiettivo. Una profezia li guida al raggiungimento della loro aspirazione: "guardatevi da colei che ha gli smeraldi negli occhi e il fuoco nei capelli". Evelyn è una normale diciassettenne, quando conosce Alexander , il suo nuovo vicino di banco, non sa che la sua vita presto verrà stravolta. Alexander non è un ragazzo come gli altri, egli appartiene alla setta di cacciatori di streghe e il suo obbiettivo è trovare la ragazza della profezia.

***
A chi non piacciono le streghe? Perché io le adoro. Così quando mi è stata proposta la lettura di "Le reliquie di Salem - Discendenze" ho subito acconsentito. E sono contenta di averlo fatto, perché ho letto una buona storia, ricca di personaggi interessanti e spunti considerevoli.
Partendo dai personaggi posso dire che ho preferito di gran lunga la voce narrante maschile, forse perché ho trovato Alexander più maturo e consapevole. Sicuramente per la nostra Evelyn scoprire la verità su se stessa non deve essere stato piacevole però avrei voluto forse più spessore e consapevolezza, aspetti che la protagonista acquisisce nel corso della storia così come i suoi poteri.
I personaggi di contorno non sono lasciati al caso, ben strutturati, tutti con le loro particolarità, lasciano al lettore qualcosa. Mi è piaciuta la presa di coscienza della sorella del protagonista, Amber, la sua è una crescita reale e il suo cambiamento avviene con i giusti tempi e la normale dose di sofferenza: non repentino e non senza sacrifici.
La scrittura è scorrevole, il libro è scritto bene e lo stile si adatta all'età dei protagonisti che frequentano le scuole superiori. Unico difetto l'aver voluto ambientare il libro negli USA, avrei preferito un romanzo ambientato in Italia, perché il rischio in cui si incorre è che si possa cadere nell'errore di sbagliare qualche dettaglio. Questo l'ho riscontrato soprattutto nel resoconto delle giornate scolastiche e della loro suddivisione, non vi so dire di preciso che cosa c'è di errato ma è stata soprattutto una sensazione.
Per il resto la storia è buona, il finale lascia tante tante domande a cui si deve dare una risposta e i personaggi sono veramente ben strutturati.
Applauso alle autrici che sono riuscite a scrivere a quattro mani una bella storia.

Lo consiglio a chi ama le streghe, gli amori tormentati e i cattivi cattivi.
Buona lettura



1 commento:

  1. Mi avevi detto che era in lettura,vedo che tu è piaciuto :)
    <3

    RispondiElimina