giovedì 3 settembre 2015

Le ossa del lago


Le ossa del lago
di Rosalba Vangelista

Trama
Ci sono segreti che solo la profondità dell'acqua può nascondere...
Misterioso, delicato, ed a tratti evocativo nonostante la durezza del tema trattato (l' omicidio di un bambino), Le ossa del lago e' un romanzo thriller diverso dal suo genere, dove lo sviluppo della psiche dei suoi protagonisti si scontra con la crudeltà degli avvenimenti della loro vita, facendoci riflettere, profondamente, tra le righe della sua storia, sulle fragilità, le paure, le inquietudini dell'animo umano.
E' una notte di mezza estate quando Jude, una giovane mamma, si suicida sulla riva del lago Silver Lake nel New Hampshire. In quello stesso lago un mese e mezzo prima viene ritrovato il corpicino senza vita del suo bambino, Marcos, ucciso da un'assassino che non ha ancora un nome.
Al ritrovamento del piccolo partecipa anche Kate, novella poliziotta da poco trasferitasi a Silver Lake da Atlanta. Kate e' nuova del posto ma non riesce ad accettare l'ingiustizia subita dal piccolo, vuole dare un nome al suo assassino, e forse, vuole anche far pace con se stessa, anche a costo di riaprire ferite e segreti nascosti tra le sponde ed i verdi alberi del lago d'argento… Lo spaccato di una tranquilla cittadina statunitense visto dagli occhi di Kate, uno sguardo di sofferenza che rispecchia quello dei suoi protagonisti, e che mette a fuoco timori reconditi, pregiudizi e segreti, coi quali, emersi come incubi, ciascuno deve fare i conti. Una “terribile normalità” del territorio fa da contrappeso alla spaventosa soluzione che sta dietro a questo romanzo criminale.

***
Ho iniziato questo libro con il timore di immedesimarmi troppo: per una mamma è sempre terribile leggere di bambini. Ed è successo: ho letto "Le ossa del lago" di Rosalba Vangelista sentendomi addosso tutto il dolore della perdita, capendo Jude e il suo gesto estremo, soffrendo per un delitto in cui la vittima è solamente un bimbo.
Per questo ho combattuto fino alla fine, insieme alla protagonista, perché il colpevole avesse un nome. La storia è molto ben congeniata, per nulla scontata o banale. Sicuramente c'è un momento in cui sia accende una lampadina nella testa del lettore, ma va bene così, l'autrice è stata bravissima a creare l'intreccio. 
Pollice alto anche per i personaggi che sono ben delineati.  
Sia per la protagonista che per il suo collega, così come tutti quelli che restano sullo sfondo, l'autrice ci regala sprazzi di vita precedenti, spiegazioni, un aspetto che ci aiuta a sentirli più vicini. Kate mi è piaciuta subito, poi piano piano l'ho anche capita e siamo entrate in sintonia. Steve mi è risultato simpatico sin da subito ed è uno dei personaggi più positivi dell'intera storia.
Lo stile è piacevole e adatto al genere giallo.
Unico appunto: con una storia così promettente tra le mani, avrei osato di più, ampliato gli aspetti psicologici, l'avrei arricchita e allungata perché si presterebbe ad essere un romanzo molto più lungo.
Resta anche così un buon lavoro, che poteva essere ottimo se più sviluppato.
Consigliato anche a chi pensa: "Un libro giallo? Mai" e a chi ama Criminal Mind
Buona lettura

4 commenti:

  1. Ciao Virginia, grazie per questa bella recensione. Rosalba è della mi città e siamo amiche, non vedo l'ora di iniziare il libro che lei mi ha gentilmente regalato! Sono sicura sia bellissimo!

    RispondiElimina
  2. Mm.. m'ispira. Certo, il tema è 'forte'. Infatti temo un po' la trama di questa storia, perché non ho figli ma anch'io sono sensibile ad un tema terribile come l'omicidio di un bambino.. Però pur con tutta la mia sensibilità, sono un'amante di Criminale Mind, quindi questa storia m'ispira lo stesso. Lo terrò presente :-)

    RispondiElimina
  3. io amo Criminal Mind!!E poi mi piace parecchio la copertina, quindi lo aggiungo. Baci

    RispondiElimina
  4. Grazie mille Virginia per la tua recensione!
    E grazie a Acquarello, Deb e Lexla!!!!
    E' una storia con un tema forte ma ho cercato di non calcare troppo la mano su Marcos, di più su quello che vivranno i protagonisti, quello che è successo al piccolo fa da sfondo a quello che in realtà hanno dentro i personaggi.
    Un bacione grande a tutte<3

    RispondiElimina