mercoledì 23 settembre 2015

Domino letterario: E all'improvviso sei arrivato tu

Torna anche questo mese il Domino Letterario, si tratta di una rubrica organizzata con alcuni miei amici bloggers. Ogni mese viene stilato un ordine di pubblicazione e le letture devono essere collegate le une alle altre
Ecco l'elenco dei partecipanti (in aggiornamento)

Il salotto dei libri
Parliamo di libri
L'amore per i libri
Le recensioni della libraia
Questione di libri
Leggere è un modo di volare senz'ali
Devilishly Stylish
Leggendo Romance
Ladra di libri
La Rapunzel dei libri
Bosco dei sogni fantastici
Libri che porto con me
Lettere d'inchiostro
Everpop
On rainy days
Il nostro angolo dei sogni


Oggi vi propongo il libro di Hélène Battaglia: "E all'improvviso sei arrivato tu"

"Lei era felice. Tutto qua. Doveva solo imparare a conviverci ed accettare il fatto che nella vita si può vivere felici senza sentirsi in colpa per esserlo"
E all'improvviso sei arrivato tu
Hélène Battaglia

Trama
Ava, brillante trentasettenne, con una avviata carriera di reporter e una fantastica famiglia che la circonda di amore, sente l’irrefrenabile desiderio di allontanarsi per qualche tempo dalla sua vita perfetta. 
Ma cosa c’è dietro quella sfrenata voglia di cambiamento che, da mesi ormai, l'ha assalita, e che non riesce a placare? Cosa potrebbe mai desiderare di più di quanto il destino le abbia già regalato? A offrirle una via di fuga temporanea per tentare di superare, da sola, questa piccola e insospettabile crisi esistenziale, è un'improvvisa e irrinunciabile opportunità di lavoro. Con il cuore stretto, ma convinta di fare la cosa giusta, Ava vola oltreoceano, nella Grande Mela per realizzare un reportage sul museo dell'immigrazione di Ellis Island.
Ma quello che doveva essere solo un viaggio di lavoro di 3 settimane e una pausa di riflessione dai suoi affetti, si trasformerà per Ava in un percorso formativo che la porterà sulle tracce del suo passato.
E all’improvviso sei arrivato tu è un romanzo intenso e coinvolgente, un road trip storico-sentimentale avvincente in cui tutto può succedere. Come nella vita.

***
"E all'improvviso sei arrivato tu" è un libro che ci accompagna in più viaggi,  quello dalla Danimarca a NY e poi attraverso gli Stati Uniti, quello che spinge la protagonista alla scoperta delle proprie radici e quello, molto più difficile e doloroso, dentro se stessi e i propri sentimenti.
Ci sono alcune cose che mi sono piaciute molto nella storia nata dalla penna di Hélène Battaglia. Innanzitutto il tema dell'immigrazione, la protagonista Ava parte per realizzare un reportage che le è stato commissionato da un giornale su Ellis Island,  principale punto d'ingresso per gli immigranti che sbarcavano in America alla fine dell'Ottocento. Attraverso le interviste, le visite al museo che è attualmente ospitato sull'isolar ciò che vede, si percepisce un po' di quell'emozione che vivevano coloro che abbandonavano l'Europa, le proprie sicurezze e le famiglie alla ricerca di un futuro migliore. 
Mi è piaciuto anche il percorso che la protagonista intraprende per scoprire le sue di radici, inseguendo le tracce di quel bisnonno Lorenzo di cui in famiglia si è parlato così poco. Un percorso che la porterà lontano, attraverso l'America un treno dopo l'altro.
Peccato che non sempre mi sia trovata d'accordo con  Ava, nelle sue decisioni e nei suoi atteggiamenti che spesso (a mio parere) stridono con la profondità dell'animo che nasconde. Non giudico le debolezze, ma a volte un po' troppa attenzione agli status symbol.
Gli altri personaggi le vorticano intorno e ognuno di loro tocca in qualche modo la vita della protagonista.
La narrazione è in terza persona, aspetto che ho trovato adatto alla narrazione. Belle le descrizioni dei luoghi, peccato per qualche refuso qua e là.
Consigliato a chi ha voglia di intraprendere un viaggio fisco, non dimenticando il cuore e la mente.
Buona lettura

12 commenti:

  1. Eccomi!
    Mi hai incuriosita, sai?
    Dovrò dargli un'occhiata!
    Baci <3

    RispondiElimina
  2. Questa cosa dei viaggi sembra interessante! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tema del viaggio piace sempre anche a me :) baci

      Elimina
  3. Bella recensione e anche la storia sembra molto interessante! Baci :)

    RispondiElimina
  4. Wow, sei riuscita ad incuriosirmi di un libro che probabilmente non mi avrebbe mai colpito, né come titolo, né come copertina.

    RispondiElimina
  5. sto facendo il giro del domino e quindi eccomi qui! Come ti ho già detto bella recensione, hai messo in evidenza i pregi del romanzo. Bacio

    RispondiElimina
  6. Amo i libri in cui domina il tema del viaggio, e se non avessi letto la tua recensione credo che non avrei mai notato questo romanzo! :)

    RispondiElimina
  7. Anche a me piacciano, soprattutto se non è solo fisico :) baci

    RispondiElimina