mercoledì 22 luglio 2015

Tutto quello che ho imparato su cambiare casa senza impazzire, segnalazione

Questo libro lo avrei dovuto leggere lo scorso anno quando, a luglio, feci il primo di tre  traslochi senza avere bene chiaro in testa se comprare una casa, andare in affitto o finire sotto un ponte. Perché credetemi non è così semplice decidere: la casa è il luogo dove dobbiamo sentirci sicuri, a nostro agio, dove custodire le cose a cui teniamo di più. Quindi ben venga un libro ironico che ci possa aiutare a destreggiarci nel complicato mondo immobiliare. Lo trovate negli store in vendita proprio da oggi

"Tutto quello che ho imparato su come cambiare casa senza impazzire”
Michela Indelicato
Nativi Digitali Edizioni
Saggistica, Manualetto, Umoristico
Prezzo: 3.49€
Formato: ebook (epub, mobi, pdf) Lunghezza: 160.000 caratteri (circa) 

Trama
Hai deciso di fare il grande salto e comprare la tua prima casa? E’ giunto il momento di venderla e cercarne una più grande, magari in un’altra città? Vorresti fare questi passi ma conosci le regole base della compravendita immobiliare come una scimmia le teorie della fisica quantistica? Allora questo è il libro che fa per te! Con questo “manuale di sopravvivenza”, Michela ti guiderà attraverso le fasi della vendita, trasloco, ricerca e acquisto del nuovo appartamento, scelta e richiesta del mutuo e lavori di ristrutturazione. Tra aneddoti comici, dritte e strizzatine d'occhio, in "Tutto quello che ho imparato su come cambiare casa senza impazzire" troverai tutte le informazioni, anche di carattere tecnico, per trattare con agenti immobiliari, impiegati bancari, ditte di traslochi e ristrutturazione, senza dover ricorrere ad un esorcista per liberarti da tutto lo stress che questa decisione, altrimenti, ti comporterebbe.

L'Autrice:
Michela Indelicato è nata nel 1981 a Milano, città dove è cresciuta, tra le prese in giro per gli occhiali e l’apparecchio alle medie, le manifestazioni alle superiori contro i finanziamenti pubblici alle scuole private (e, soprattutto, per l’assenza di carta igienica nei bagni) e le vendite per beneficenza di panini e bicchieri di vino alle feste di primavera dell’università. A Milano ha conosciuto tutte le forme contrattuali esistenti, compresi stage e co.co.pro. A Milano si è innamorata ed ha condiviso con il suo
compagno la nascita a nuova vita: quella di genitore. Milano l’ha amata per tutto ciò che le ha dato e l’ha odiata per quanto si è presa. Ora vive serenamente squattrinata in una cittadina meno fagocitante, con suo marito e il loro gnomo (che, almeno per ora, ha smesso di disegnare sui muri).

3 commenti:

  1. Stuzzicante davvero, ora vado a cercarlo su Amazon.
    Bellina la descrizione dell'Autrice :)

    RispondiElimina
  2. Carinissima l'idea di un libro così! Qualcosa di ironico che aiuti a gestire una situazione delicata come il trasloco potrebbe rivelarsi utile per molti! Baci :)

    RispondiElimina
  3. Quando l'anno scorso sono ritornato da Londra a Milano, mi sono rivolto ad una azienda specializzata in Traslochi internazionali economici , è stato più facile di quanto pensassi

    RispondiElimina