venerdì 17 luglio 2015

Segnalazione, La camera ardente di Giacinta Caruso

Pronti per il fine settimana alle porte? Per poter dire di sì dovete avere tra le mani la lettura giusta da fare nei prossimi giorni. Se avete bisogno di uno spunto, eccovi qui il mio suggerimento libroso. Si tratta di La camera ardente di Giacinta Caruso uscito ieri. Un libro intrigante, che unisce il giallo storico al sentimentale  e l'erotico. Ecco a voi copertina, dati, sinossi e un breve estratto. Pronti a immergervi in un'altra epoca?

La camera ardente

Giacinta Caruso
Panesi Edizioni - www.panesiedizioni.it
Formati: epub e mobi
Lunghezza: stimata 157 pagine
Prezzo: € 2,99
Isbn: 9788899289249
Generi: giallo storico, sentimentale, erotico
Collana: Syn

Trama
Parigi 1680. Lady Edwina ha appena sposato il marchese di Peyrac, un incorreggibile libertino, sempre alla ricerca di piaceri proibiti. La nobildonna, dopo esser rimasta vedova, è stata costretta alle nuove nozze dal cugino, agente in Francia del duca di Buckingham. Da anni il duca cerca le prove del coinvolgimento di alcuni aristocratici francesi nella misteriosa morte di Enrichetta d’Inghilterra, sorella di Carlo II e moglie di Philippe d’Orleans, fratello del Re Sole. I sospetti sono da sempre puntati sul cavaliere di Lorena, amante e favorito di Philippe d’Orleans. Quando il marchese di Peyrac ha chiesto in moglie lady Edwina, il duca di Buckingham ha colto al volo l’occasione per infiltrare una spia nell’intrigante corte francese e spiare così il cavaliere di Lorena. Solo a nozze avvenute lady Edwina ha scoperto che nel labirinto del tetro castello dei Peyrac è stata avvelenata una donna. Sulle prime non si preoccupa più di tanto. Il delitto sembra destinato a rimanere insoluto. È la seconda morte, quella della baronessa di Fonsac, amante del marito, a metterla in allarme. Il luogotenente generale di polizia La Reynie affida il caso al commissario Savarin. Di mezz'età, alto, imponente, con folti capelli rossi, il commissario è paziente e di buon carattere. Aiutato dall'affascinante tenente Lassalle, si mette subito sulle tracce dell’assassino del labirinto. Ma altri fatti inquietanti sopraggiungono a complicare le indagini: a corte è scoppiato il più grande scandalo del secolo, l'Affare dei Veleni. Magia, messe nere, perversioni, assassinii che minacciano di far cadere la monarchia francese.

Breve estratto:
Si trovavano da quasi mezz'ora davanti al labirinto e la marchesa di Peyrac non era ancora apparsa. Era una mattinata fredda, con un sole pallido e un vento fastidioso che faceva svolazzare di continuo i mantelli.
«Eccola», esclamò eccitato Lassalle, sistemandosi i riccioli arruffati.
L'arrivo della marchesa rianimò il commissario. Il suo viso, fino a quel momento impenetrabile, si illuminò nel vedere la donna avvolta nel lungo mantello bordato di pelliccia che camminava verso di loro. Intorno a lei saltellava un cagnolino bianco con un nastro di raso rosso legato al collo. La marchesa li raggiunse. Senza dire una parola fece loro cenno di seguirla nel labirinto. S'inoltrarono per uno stretto sentiero delimitato da alte siepi di bosso. Savarin non amava i luoghi chiusi. Ebbe subito l'impressione che le siepi si richiudessero minacciose su di lui. Era quasi impossibile a causa delle numerose biforcazioni, tutte apparentemente uguali, capire in che direzione stessero avanzando. La marchesa però sembrava conoscere bene la strada e questo lo tranquillizzò. Smise di preoccuparsi e concentrò tutta la sua attenzione su di lei. Poteva scorgerne il profilo, reso particolare dal naso lievemente aquilino, e la mano affusolata con cui teneva fermo il mantello. Anche Lassalle non riusciva a staccarle gli occhi di dosso. Sul suo volto era comparsa quell'espressione avida che a Savarin faceva venire in mente un lupo sul punto di sbranare un agnello.

2 commenti:

  1. Ho letto l'estratto e sono rimasta davvero incuriosita da questo libro! Grazie per la bella segnalazione, baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io Simo :) Mi sembra veramente interessante! Grazie di essere passata, un bacione

      Elimina