giovedì 2 aprile 2015

Albion

"Ci saremmo estinti da un pezzo, se non fossimo fatti per la speranza e i sogni"


Albion
di Bianca Marconero
Limited edition

Trama
Cresciuto senza madre, e dopo aver perduto il fratello maggiore - morto in circostanze misteriose -, nel giorno del funerale dell'amatissimo nonno, Marco Cinquedraghi riceve la notizia che gli cambierà la vita: deve lasciare Roma e partire per la Svizzera. È infatti giunto il momento di iscriversi all'Albion College, la scuola in cui, da sempre, si diplomano i membri della sua famiglia. Ma il blasonato collegio riserva molte sorprese. Tra duelli di spade e lezioni di filologia romanza, mistici poteri che riaffiorano e verità sepolte dal tempo che riemergono, Marco scoprirà il valore dell'amicizia e capirà che l'amore, quello vero, non si ottiene senza sacrificio. Nelle trame ordite dal più grande dei maghi e nell'eco di un amore indimenticabile si ridestano legami immortali, scritti nel sangue. Fino all'epilogo, tra le mura di un'antica abbazia, dove Marco conoscerà la strada che le stelle hanno in serbo per lui. Il destino di un re il cui nome è leggenda.

***
Ma come mai non avevo ancora letto Albion di Bianca Marconero? Questa domanda mi frulla nella testa da quando ieri sera ho letto, non senza un enorme dispiacere, la parola fine. Anche perché è decisamente uno di quei libri che ti lascia lì con un accenno di misteri svelati a sperare che esca al più presto il seguito.
È stato veramente un peccato non averlo scoperto prima, anche se l'attesa sarebbe stata sicuramente più lunga, ma i bei libri meritano anche le sofferenze dei lettori e le saghe se sono scritte bene e credibili hanno nella loro bellezza anche quel pizzico di tristezza che nasce fra un volume e l'altro.
Ma torniamo ad Albion e alla talentuosa penna di Bianca Marconero.
Al di là della storia in sé  che ho trovato molto godibile, con degli intrecci interessanti e per niente scontata, ho adorato i personaggi che popolano questo libro. Di ognuno di loro l'autrice ci ha regalato qualcosa di importante, non ha lasciato nulla al caso, ce li ha fatti conoscere in profondità e amare anche con i loro mille difetti. Sono tutti approfonditi, non solo Marco ma anche i suoi amici, permettendo al lettore di immedesimarsi sempre di più nella trama, che lo lascia col fiato sospeso sino all'ultimo. 
Davvero, succede di tutto, non è che i "fuochi d'artificio" siano riservati solo alle ultime pagine, ma a parte qualche intuizione si brancola nel buio quasi fin oltre la fine.
I dialoghi sono bellissimi, sempre molto profondi, vanno a toccare corde emotive e ti lasciano lì  a ragionare su quanto hai appena letto.
Scrittura perfetta, molto armoniosa, le parole sono pesate e scelte con attenzione  e il risultato è che il libro scorre senza difficoltà.
Finito Albion vi potrete consolare con Diario di un'assassina (novella 1.5), link amazon. E poi aspettare insieme a me con impazienza il prossimo volume!

3 commenti:

  1. Complimenti per la recensione Virginia! Come sempre sei molto convincente con le tue parole :) Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona! È veramente un gran bel libro, scritto bene e con una trama non banale. Baci baci

      Elimina
  2. Bella recensione, finalmente l'ho letto anch'io e mi è piaciuto un sacco. Temevo il classico romance smieloso, invece si è rivelata un'atmosfera moolto piacevole, con la giusta dose di mistero, magia e amicizia! :) PS: Forza Lance, è il mio preferito!

    RispondiElimina