mercoledì 7 gennaio 2015

Raven Boys, Ladri di sogni

"Entrambi non davano un bacio a qualcuno da parecchio tempo, ma non aveva importanza. Baciare assomiglia molto a ridere. Se la barzelletta è divertente, non importa da quanto non se ne senta una"


Raven Boys - Ladri di Sogni
di Maggie Stiefvater
Rizzoli

Trama
La magica linea di prateria è stata risvegliata e la sua energia affiora. I ragazzi corvo, un gruppo di studenti della scintillante Aglionby Academy, sono sulle tracce del mitico re gallese Glendower, che dovrebbe essere nascosto nelle colline intorno alla scuola. Con loro c’è Blue, che vive in una famiglia di veggenti tutta al femminile. A lei è stato predetto più volte che quando bacerà il ragazzo di cui sarà davvero innamorata, questi morirà. Sulle prime sembra che il suo cuore batta per Adam, ma forse è Gansey quello che ama davvero… Intanto Ronan s’inoltra nei suoi sogni, da cui può uscire di tutto. Del resto è uno che ama sfidare il pericolo. Mentre il tormentato Adam, con un passato pesante alle spalle, s’inoltra sempre più in se stesso, cercando una sua strada nella vita. Nel frattempo c’è un individuo sinistro che è anche lui sulle tracce di Glendower. Un uomo pronto a tutto.
Di Raven Boys, Entertainment Weekly ha scritto: “L’avventura paranormale di Maggie Stiefvater si legge d’un fiato e vi farà chiedere a gran voce il secondo libro.” Ecco il secondo libro, con la stessa fervida immaginazione, lo stesso intreccio inquietante e romantico, e le svolte mozzafiato che Maggie Stiefvater sa costruire.


***
Ora è tutto più chiaro. Vi chiederete: "Perché prima non lo era?" Ho amato alla follia The Raven boys (la recensione qui), ma quando ho chiuso il libro ancora tante domande mi frullavano in testa. Anche con questo secondo capitolo, ovviamente, non tutti gli enigmi sono stati svelati (anzi), però l'autrice ha iniziato a concedere al lettore qualche spiegazione in più, pur mantenendo tanti misteri irrisolti.
Con Ladri di sogni, secondo capitolo della serie The Raven cyrcle, Maggie Stiefvater ci fa addentrare ancora di più in Herrietta, nel mondo dei ragazzi corvo, di Blue e della sua famiglia magica tutta al femminile e delle linee di prateria. Questo volume è dedicato in particolare a Ronan, alla sua vita, alla sua famiglia, ma anche al profondo legame che ha con i propri sogni. Vi ritroverete letteralmente proiettati in un mondo onirico che vi lascerà senza fiato e un po' di angoscia prima di addormentarvi. Ronan è sicuramente il personaggio più oscuro di tutti, quello che non risulta simpatico sin da subito, ma ha tanto da dire. In questo libro l'autrice ci concede di conoscerlo meglio così si scopre un giovane uomo coraggioso e leale. 
Anche un altro personaggio si ritrova a dover scavare parecchio dentro se stesso. Si tratta di Adam che deve fare i conti con  i suoi limiti e le paure generate dalla famiglia da cui proviene. 
Blue e Gansey restano leggermente sullo sfondo, però la Stiefvater non si dimentica di loro, ma li fa scoprire a vicenda e rafforza il legame che hanno costruito. 
Anche in Ladri di sogni facciamo la conoscenza di nuovi personaggi, che vi lascio scoprire da soli per non rovinarvi la sorpresa. Vi posso solo svelare che mentre uno mi è piaciuto un sacco, per l'altro non sono mai riuscita a provare un pizzico di simpatia.
Non mi resta che augurarvi buona lettura e buoni sogni, sperando che l'attesa del terzo volume non sia infinita.

2 commenti:

  1. Ciao,
    ma solo a me questa storia sembrava piena di pagine scritte solo per occupare spazio, piene di aria fritta inutile e in cui non succedeva letteralmente niente (a parte gli approfondimenti psicologici: quelli sono splendidi)? Cioè, alcuni passaggi potevano essere tolti secondo me... Se ti interessa sapere cosa ne penso ci ho scritto un post sul mio blog in cui, appunto, esprimo questa mia piccola delusione di contorno a questo libro che comunque mi è piaciuto un sacco :3
    >> http://raggywords.blogspot.it/2015/05/recensione-ladri-di-sogni-raven-boys-2.html
    Mi scuso per l'eventuale spam indesiderato,
    ciao!
    Rainy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il fatto che il libro fosse così corposo, invece, è piaciuto e non avrei eliminato niente. Grazie per la segnalazione, sono sempre curiosa di leggere opinioni diverse dalla mia :) Passo a leggere

      Elimina