sabato 22 novembre 2014

Opal

"Sopraffatta da quella rivelazione, non seppi cosa dire, e mentre lui, chinando la testa, mi baciava, io imparai che quando qualcuno dice qualcosa di così bello, non è sempre necessario rispondere. Non c'era altro da dire"


Opal
di Jennifer L. Armentrout
Giunti

Trama
Daemon e Katy, Katy e Daemon... Ostacolato da tutti, represso, negato, il legame proibito tra la timida studentessa e il misterioso alieno è ogni giorno più potente, inscindibile e rischioso. Il Dipartimento della Difesa li spia di continuo, mentre il famigerato “Dedalo”, il gruppo che studia e tortura gli ibridi, tiene ancora in pugno qualcuno che amano. Dawson, il gemello di Daemon sfuggito miracolosamente alla prigionia, non sembra più lo stesso e in mente ha un unico obiettivo: tornare in quel luogo orribile per salvare la sua amata Beth. Daemon e Katy non possono certo abbandonarlo, e per combattere “Dedalo” sono pronti a tutto, anche se questo significa fidarsi di un vecchio nemico… Riusciranno a ottenere giustizia e ad annientare le oscure minacce che incombono su di loro? Daemon e Katy non sono disposti a fermarsi, forti dell’amore impossibile che li lega e che nessuno riesce a spezzare: nemmeno se la lotta dovesse travolgere i loro mondi in maniera devastante. Sempre più sensuale, intrigante e ricco di colpi di scena: il nuovo episodio della saga è già un fenomeno del web.

***
Si può iniziare una recensione di un libro partendo dalla fine? Niente paura nessuno spoiler all'orizzonte, ma uno sfogo… Finali così uccidono il lettore, soprattutto se deve aspettare tanto per sapere cosa succederà! Vogliamo subito il seguito.
Ecco ora che vi ho detto la mia vi posso parlare di Opal terzo capitolo della serie Lux scritta dalla bravissima Jennifer L. Armentrout. Come avevo già detto anche per i due libri precedenti (Obsidian e Onyx) il rapporto tra Deamon e Katy, i due protagonisti, è piuttosto interessante, infatti non solo stenta a prendere il via, ma i dialoghi sono brillanti e divertenti e caratterizzati da diverse "discussioni". Entrambi sono dotati di un carattere forte e difficilmente si tirano indietro, il risultato è la parte divertente della storia.
Già perché la trama vera e propria del libro, poi, non regala molti momenti di serenità al bel tenebroso alieno, alla sua famiglia e alla simpaticissima studentessa innamorata della lettura e blogger.
Per tutto il romanzo il pericolo sembra essere sempre in agguato, la tensione non scema mai né per il lettore né per i protagonisti e, come ci ha già abituato la Armentrout, è difficile fidarsi anche degli amici.
Non ci sono grandi colpi di scena, come ci si poteva aspettare dopo aver letto Onyx, è quello forse a rendere la tensione insopportabile, fino al finale al cardiopalma.
Chiusa l'ultima pagina, restano tante domande, molta apprensione e una discreta arrabbiatura!

Nessun commento:

Posta un commento